Escursione poco frequentata quella che faremo oggi al lago Jugale non tanto perchè di livello inferiore ad altre, quanto perchè poco conosciuta dagli escursionisti che trovano, nel vallone delle Meraviglie, decine di mete alternative, tutte molto belle. Poco visitato anche perchè leggermente scartato e fuori dal sentiero abituale di salita al rifugio e ai laghi delle Meraviglie

Noi l’abbiamo percorsa oggi (martedì 2 ottobre 2012) e l’abbiamo definita: “escursione per intenditori e buongustai

Andiamo con ordine.

Ore 8:35. Dopo aver lasciato l’auto nel parcheggio delle Mesches (1400 m), Fulvio ed io proseguiamo di alcune centinaia di metri sulla strada asfaltata verso Casterino fino a trovare, in un tornante a sinistra, la palina segnaletica indicante la Vallée des Merveilles. Inforcata la stradina, ne saliamo tutto il tratto bitumato che conduce tra gli insediamenti dell’antica miniera di piombo e argento di Valaura.

Dalla base degli edifici restaurati della miniera, attraversiamo il ponticello in legno per passare sulla destra orografica e collegarci, svoltando a destra, alla strada sterrata carrozzabile utilizzata ora dagli addetti del Parco del Mercantour e dai mezzi abilitati a portare persone e viveri al rifugio delle Meraviglie.

Ci aspetta un prolungato percorso nel Vallon de la Minière. Lasciato più avanti sul lato destro il lago della Miniera, incrociamo e lasciamo poco dopo, ancora a destra, un sentiero che passa al di là del fiume e conduce alla Baisse de Vallaurette.

Proseguendo con pendenza regolare sulla sterrata, ci immergiamo nel lunghissimo bosco di larici raggiungendo, qualche chilometro dopo, l’ingresso del Parco del Mercantour, segnalato da alcuni grandi cartelloni. La nostra marcia continua per un bel tratto avendo di tanto in tanto la visuale del Monte Bego, che spunta tra le fronde degli alberi, e ci porta a raggiungere una struttura in pietra con fontana adiacente.

Chi sale al rifugio delle Meraviglie, abbandona la strada in questo punto per continuare sul sentiero-scorciatoia che parte dal retro della struttura.

Noi proseguiremo ancora un bel tratto sulla carrozzabile superando alcuni tornanti in direzione sud fino ad incrociare un gorgione alla nostra sinistra (quota 1970 circa). Qui, abbandonata la sterrata che continua verso il Rifugio delle Meraviglie, svoltiamo sul sentiero (palina per Pas de Colle Rousse) che rimonta il vallone laterale.

La svolta per il Pas de la Colle Rousse

Ora ci attende una ripida rampa di circa 300 metri di dislivello che ci consentirà di raggiungere il Passo.

Dopo i primi passi su sentiero pietroso, raggiungiamo un piccolo praticello che superiamo centralmente trovando, poco avanti, alcuni massi con le tacche rosse che ci guidano all’interno di un boschetto di larici che si innalza sotto incombenti pareti rocciose.

In vari punti il sentiero è franato, colpa sicuramente delle recenti piogge. La ripidezza non dà tregua e aumenta man mano che ci avviciniamo al Passo.

Sul ripido sentiero poco prima del Passo (foto di Fulvio)

Dopo circa 300 metri di dislivello i larici si diradano e davanti a noi appare finalmente il Pas de Colle Rousse (2261 m).

Arrivo al Pas de la Colle Rousse

Sono le 10:42 (2 ore 7’ di cammino dal parcheggio). Il nostro sguardo va a cercare immediatamente il lago Jugale (2172 m) che giace in una splendida conca erbosa circa 90 metri più in basso. Riusciamo a vederlo appena in tempo prima che la nebbia se ne impossessi.

Il lago Jugale visto dal Passo

Scendiamo poi sulle sue rive per ammirarlo e fotografarlo con calma.

Sulla riva del lago

L’escursione di oggi non contempla solamente la discesa al lago, ma anche uno stupendo anello sul lungo e panoramico costone arrotondato che, dopo il superamento di numerosi dossi, ci condurrà al Pas de la Nauque (2130 m).

Dal lago riprendiamo la salita sulle pendici erbose in direzione nord-est per tornare alti sulla cresta a destra del Colle Rousse. Il tratto su erba, faticoso, ci conduce in posizione panoramica sul ripido versante del vallone della Miniera.

Il nostro avanzare spaventa un gruppo di una quarantina di camosci. La nebbia a tratti ci avvolge e non lascia trasparire le montagne a nord.

Fulvio in salita dal lago

La salita prosegue su terreno pietroso portandoci sul punto più alto dell’escursione.

La cresta invasa dalle nubi

Un mucchio di pietre ed un bastone indicano, oltre al GPS, che siamo sulla cima (2455 m). La nebbia persiste, ma decidiamo che questo può essere un buon posto per la sosta del pranzo.

Il monte Bego comincia a trasparire

Aspettando che la nebbia si diradi

Finalmente si apre il panorama tanto atteso

Durante il nostro spuntino si dirada regalandoci panorami da sogno. Allora compaiono, come per incanto, le Grand Capelet (2935 m) ed il Monte Bego (2872 m) visti di sfuggita qualche attimo prima ma anche, spostato a destra, il Mont S.te Marie (2740 m).

Siamo letteralmente galvanizzati e felici di essere qui. Il desiderio di Fulvio oggi era quello di portarmi quassù per vedere le montagne a nord e il mare a sud. Le montagne siamo riusciti a vederle, per il mare ci toccherà tornare una prossima volta.

Altra immagine dalla cima

Iniziamo la discesa

Ultimo sguardo con le nebbie che ricompaiono

In discesa, zoom sul lago e rifugio delle Meraviglie

Più tardi iniziamo il ritorno che andrà a toccare rispettivamente la Pointe de la Corne Bouc (2414 m), la Pointe de Viole (2316 m) e la Pointe Commune per raggiungere in discesa il Pas de la Nauque (2130 m).

Questo percorso è molto piacevole e per nulla faticoso e lo abbiamo affrontato quasi tutto nella nebbia, cercando di orientarci rimanendo a cavallo dell’ampio crestone divisorio che separa dal Vallon de la Minière.

verso il Pas de la Nauque

Ora, di nuovo immersi nella nebbia

Ci sarebbe piaciuto ancora salire sulla Cima della Nauque ma, in assenza di panorama, non ne valeva la pena.

Dal Passo della Nauca ci siamo infilati nel lariceto che scende nel pianoro sottostante ritrovando le tracce che ci hanno riportati all’antica miniera. Ripresa la strada bitumata del mattino, siamo poi ridiscesi con tranquillità al lago delle Mesches ed al parcheggio.

Cartografia indispensabile

Carta 3841OT, 1:25.000Carta 3841OT, 1:25.000, Vallée de la Roya, Vallée des Merveilles, Parc National du Mercantour, Institut Geographique National
Vedi su Amazon →
Scarica la traccia GPX per il tuo GPS (cos’è?):
Lago Jugale
Lago Jugale (228 kB)

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.