Una delle migliori fasce cardio disponibili sul mercato. Indispensabile per aumentare la nostra potenza cardiovascolare e migliorare il livello di forma fisica.Recensione Fascia cardio soft premium di GarminValerio Dutto4

Aggiornamento: nella recensione del Garmin Forerunner 620 abbiamo descritto la nuova fascia cardio HRM-Run.

La fascia cardio misura in tempo reale le pulsazioni cardiache e le trasmette senza fili al nostro dispositivo Garmin compatibile. In tal modo possiamo ottenere un feedback immediato sull’efficacia dell’allenamento per aumentare la nostra potenza cardiovascolare e migliorare il livello di forma fisica.

La fascia cardio soft premium di Garmin è compatibile con un gran numero di dispositivi, tra cui:

La lista completa è disponibile sul sito Garmin.

Possiamo trovare la fascia in vendita su Amazon (link) o direttamente nella confezione di alcuni dispositivi, soprattutto se dedicati alla corsa e alla bici (come il Forerunner 210, l’Edge 510 e l’Edge 810).

Ma analizziamo in modo approfondito le sue caratteristiche e vediamo come sfruttarla al meglio.

1 Introduzione

La fascia cardio è costituita da una fascia elastica da posizionare intorno al torace, appena sotto lo sterno, direttamente a contatto con la pelle. È possibile regolarne le dimensioni sul corpo ed è abbastanza comoda e rimane sempre saldamente in posizione durante l’attività, anche intensa. Basta una t-shirt leggera per coprirla del tutto: chi non sa che la indossiamo non la nota neppure.

La fascia cardio Garmin soft premium

Come possiamo osservare dalla foto, sulla fascia è posto un modulo rigido che che comprende il sensore e l’unità di ricezione/trasmissione del segnale, abbastanza sottile e non troppo ingombrante. Durante l’attività, il modulo rigido deve essere fissato alla fascia attraverso due bottoncini a pressione:

Il retro del modulo rigido con i bottoncini a pressione

Il segnale viene trasmetto al dispositivo senza fili (utilizzando la tecnologia ANT+) e i risultati sono mostrati in tempo reale. Non appena aumenta o diminuisce lo sforzo il dispositivo aggiorna immediatamente i battiti al minuto sul display (bpm).

2 Come si collega al ricevitore GPS?

Una volta indossata la fascia cardio a contatto con la pelle, appena sotto lo sterno, e collegato il modulo rigido (che a riposo conviene scollegare per non consumare inutilmente le batteria), essa è attiva e pronta all’uso. Perché i battiti vengano registrati è sufficiente rimanere entro un raggio massimo di 3 metri dal dispositivo GPS.

Solo al primo utilizzo dobbiamo fare l’associazione con il dispositivo. Le istruzioni dipendono dal GPS utilizzato, per cui consigliamo di far riferimento al manuale utente. Prendendo come esempio il Garmin Edge 510 che stiamo testando in questi mesi, dobbiamo:

  1. Indossare la fascia cardio.
  2. Collegarvi il modulo rigido.
  3. Portarci nella schermata principale.
  4. Toccare con il dito sul simbolo della batteria (in alto).
  5. Selezionare l’icona a forma di cuore.
  6. Attivare il sensore.
  7. Toccare sul bottone Cerca.
  8. Attendere fino a quando non compare la scritta “Sensore frequenza cardiaca trovato”.

3 Le nostre impressioni

Negli ultimi mesi abbiamo testato intensamente la fascia cardio in molti tipi di attività, dalla MTB all’escursionismo. Dato che abbiamo svolto le prove durante i mesi estivi, abbiamo avuto modo di provarla anche a temperature elevate e sotto sforzi intensi. Durante i test l’abbiamo sempre trovata molto stabile e confortevole. Ovviamente, soprattutto durante le prime uscite, si sente la sua presenza, ma poi ci si abitua rapidamente.

Il Garmin Edge 510 con cui abbiamo testato la fascia cardio (e di cui presto faremo la recensione)

Il feedback sul cambio di frequenza cardiaca è immediato. In MTB, non appena inizia una salita si nota immediatamente l’incremento del battito, mentre durante una discesa scende rapidamente.

La fascia è resistente all’acqua fino a 30 m di profondità, ma sotto l’acqua non registra. È possibile utilizzarla anche in luoghi affollati come palestre o linee di partenza.

4 Come si leggono i dati su computer?

I dati registrati con la fascia cardio sono immediatamente visibili sul display del dispositivo, che può essere configurato per mostrare in tempo reale:

  • La frequenza cardiaca (in bpm, battiti per minuto, o in percentuale della nostra FCM, frequenza cardiaca massima).
  • La zona di frequenza cardiaca.

Molto interessante è anche la possibilità di vederli a posteriori sul computer di casa, attraverso Garmin BaseCamp, Garmin Training Center o il servizio online Garmin Connect. Il nostro preferito, però, rimane il meraviglioso RubiTrack 3 (disponibile solo per OS X).

Attraverso RubiTrack possiamo vedere punto per punto la frequenza cardiaca che avevamo, magari mettendola a confronto con altre grandezze, come l’altitudine:

La frequenza cardiaca registrata con la fascia e visualizzata con RubiTrack (sullo sfondo il profilo altimetrico)

RubiTrack inoltre ci mostra il grafico a torta con le zone di frequenza cardiache da noi impostate:

Il grafico a torta con le zone di frequenza cardiaca

5 In che modo la conoscenza del battito cardiaco può migliorare la nostra forma fisica?

Misurando la frequenza cardiaca, possiamo allenarci ai livelli corretti per il nostro fisico. Se non la teniamo sotto controllo, rischiamo di allenarci troppo poco o, al contrario, troppo duramente. L’allenamento al giusto livello, invece, ci consente di gestire meglio il carico di lavoro e di recuperare meglio per evitare malanni e infortuni.

Maggiori dettagli in questo articolo di Garmin.

6 Manutenzione

La fascia cardio può (e deve) essere lavata spesso, perché un accumulo di sudore e sale sull’elastico può pregiudicare l’accuratezza dei dati misurati. La fascia può essere lavata a mano o in lavatrice.

Lavaggio in lavatrice

  1. Staccare il modulo rigido e fissare la fibbia prima del lavaggio.
  2. Riporre l’elastico in un sacchetto o in un retino per lavatrice in modo da evitare che si attorcigli.
  3. Lavare l’elastico in lavatrice insieme a un normale carico di biancheria con acqua fredda o tiepida (temperatura max 40
    °C).

Lavaggio a mano

  1. Staccare il modulo rigido prima del lavaggio.
  2. Lavare a mano l’elastico in acqua fredda.

Attenzione a non utilizzare detergenti che contengono prodotti chimici corrosivi, ammorbidente, candeggina o materiali abrasivi. Non inserire l’elastico in asciugatrice.

7 Batteria

Il modulo rigido in plastica è dotato al suo interno di una batteria:

Il modulo rigido aperto con la batteria in vista

La sua durata è pressoché infinita, perché Garmin afferma che utilizzandola 1 ora al giorno la batteria dura circa 4 anni e mezzo. Per prolungarne la durata, dobbiamo solo ricordarci di staccare il modulo quando non è in uso.

Per sostituirla basta girare il modulo in plastica e rimuovere le quattro viti con un piccolo cacciavite a stella. La batteria è una normale CR 2032 da 3 Volt (disponibile su Amazon).

8 Conclusioni

Una volta cominciato ad usare la fascia, diventa difficile farne a meno. È stabile, poco fastidiosa, estremamente precisa. Ha una batteria dalla durata praticamente infinita (si parla di anni) e richiede poca manutenzione. Insomma, si tratta di un accessorio indispensabile per chi vuole allenarsi in modo più efficace o è semplicemente curioso di sapere come si comporta il proprio cuore sotto sforzo. L’unico difetto è il prezzo relativamente elevato, ma in linea con altri prodotti simili.

Voto