Mercoledì 27 novembre 2013. Iniziamo la prima escursione con le ciastre della stagione 2013/2014 con un percorso facile, anche per verificare sul posto la consistenza del manto nevoso.

Troveremo una bellissima giornata, una neve farinosa dallo spessore che si aggira intorno ai 55/60 centimetri e un po’ di vento gelido che sposta continuamente particelle di neve creando cornici sulle creste.

Dal parcheggio di Limonetto (1294 m), in compagnia di alcuni scialpinisti, seguiamo la stradina che si inoltra al di sopra del paese pervenendo quasi subito ad un bivio. Lasciamo a destra la strada che sale in direzione del Bec Baral e del Colle Arpiola e svoltiamo a sinistra verso Pian Madoro e Passo di Ciotto Mien.

Lunghi traversi tra bellissimi faggi, con vista su Limonetto, ci portano in quota. Dopo 3 tornanti abbandoniamo la strada che si dirige ai Tetti Virola e svoltiamo a sinistra (cartelli segnaletici) su un costone che divide due avvallamenti.

Svoltando sul costone

Veduta verso il Bec Matlas e il Bec Baral

Tratto sul crinale

Il Monte Vecchio, visto durante la salita

Proseguiamo tra alberelli di betulle e faggi con la visuale che, al fondo, si apre man mano verso la Rocca dell’Abisso (2756 m) e la Rocca della Bastera (2614 m).

Rocca dell’Abisso, a sinistra, e Rocca della Bastera al centro

Poco più in alto deviamo verso destra per superare alcuni leggeri dossi.

Veduta verso Cima della Fascia

Cima che precede il Monte Ciamoussé

Al fondo, il Passo di Ciotto Mien

Approdiamo dopo un po’ nei pressi del Ciabot di Pedù (1679 m), piccolo gruppo di casupole. Spostandoci verso destra risaliamo altri piccoli dossi che conducono al Pian Madoro. Noi oggi ci fermiamo qui.

Da qui ci sono possibilità di salire verso il Passo di Ciotto Mien (2274 m), che vediamo al fondo della valle, oppure al Monte Creusa (2337 m) più spostato a destra (attenzione alla pendenza per eventuali slavine).

La vista spazia ad est dalla Bisalta alla Cima della Fascia; riusciamo a localizzare anche i vari Forti: Centrale, Pernante e della Giaura, tutti oltre confine.

Pian Madoro

Vista verso i vari Forti del Colle di Tenda

Al fondo, il Bric Costa Rossa e Colla Piana

Tetti Virola

Dopo un piccolo spuntino tra le casupole del Ciabot di Pedù ridiscendiamo a Limonetto sullo stesso percorso dell’andata.

Rientro a Limonetto

Cartografia indispensabile

Carta n. 114, 1:25.000Carta n. 114, 1:25.000, Limone Piemonte, Valle delle Meraviglie, St. Dalmas de Tende, Istituto Geografico Centrale
Vedi su Amazon →
Scarica la traccia GPX per il tuo GPS (cos’è?):
Pian Madoro
Pian Madoro (101 kB)

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.