Nel nostro peregrinare in Costa Azzurra, oggi 12 novembre 2013 troviamo il tempo per eseguire un tratto del Sentiero del Litorale, che contorna tutto il capo di St-Tropez.

I periodi più adatti per questo tipo di escursioni sono certamente la primavera o l’autunno, non soltanto per le temperature più consone alle camminate e al trekking, ma anche per l’afflusso minore di escursionisti che si incontrano sul sentiero, altrimenti numerosissimi in estate.

La base di partenza di questa escursione la raggiungiamo deviando sulla strada che conduce a Ramatuelle a destra di una nuova rotonda, poco prima dell’ingresso nella cittadina di St-Tropez. Dopo circa 2700 metri seguiamo, a sinistra, una deviazione segnalata che conduce alla Plage Tahiti, e lasciamo l’auto nei pressi del parcheggio Tabou Beach/Tropezina.

Partenza dalla plage Tahiti

Dopo aver percorso dirigendoci verso nord-est un corto tratto di spiaggia sabbiosa che porta all’inizio del sentiero litorale iniziamo la passeggiata. Guidati dalle tacche gialle costeggiamo in leggera salita alcuni muri di cinta di varie proprietà immergendosi, poco dopo, nel verde della vegetazione.

Lungo i muri di cinta delle proprietà

Nel fitto della vegetazione

Superato un cartello indicante località e tempi di percorrenza, proseguiamo innalzandoci di poco rispetto alla spiaggia. Poi entriamo per un tratto nel vivo della macchia circondati da una fitta vegetazione che più avanti si dirada tornando sulle rocce in riva al mare.

Lungo il cammino sono posizionati, in caso di necessità, anche alcuni punti di chiamata Sos (bornes). Arrivati ad una piccola spiaggetta, la superiamo proseguendo sul lato opposto e innalzandoci nuovamente rispetto al livello del mare. Il sentiero è movimentato, a seconda del territorio, da un continuo sali-scendi.

La piccola spiaggetta

Sali…

… e scendi

Sulle rive del mare

Dopo aver superato qualche tratto su gradini perveniamo alla Pointe de Capon dove permangono alcuni ruderi in pietra, antichi residui della Batterie de Capon, (erette nel 1792 per fortificare la difesa del suolo contro le continue provocazioni da parte degli inglesi); un cartello bilingue ne illustra la storia.

Aggirato un complesso, poco dopo raggiungiamo la Plage des Salins. Costeggiato un tratto di mare, riprendiamo, più avanti, il sentiero che si mantiene costantemente al limite delle proprietà.

Tratto nella plage des Salins

 

Più avanti, e poco prima del Cap des Salins, una piccola deviazione ci porta nei pressi della tomba in pietra di Emile Ollivier, avvocato e uomo politico francese, capo del governo ai tempi di Napoleone III (1869-1870), inumato qui con la moglie Marie-Thérèse Gravier sulle rive del mare ai limiti della sua proprietà (castello della Moutte).

La tomba di Emile Ollivier

“Carpobrotus edulis” lungo il sentiero

 

Il sentiero prosegue inoltrandosi a tratti nella fitta vegetazione e va a raggiungere il Cap de St-Tropez, punto più ad est dell’omonimo promontorio. Svoltando verso sinistra (ovest) nell’attraversare un tratto di spiaggia (plage de la Moutte) veniamo colpiti da una singolare costruzione fatta interamente con i legni restituiti dalle maree.

Singolare costruzione interamente fatta coi legni restituiti dalle maree

Tratto nella plage de la Moutte

Al termine della spiaggia, proseguendo in direzione nord-ovest, recuperiamo il sentiero che ora si fa più vario e interessante ed in una ventina di minuti di marcia ci porta a raggiungere la Pointe de l’Ay.

Dalla Pointe de l’Ay

Immergendoci tra le Calanques de la Rabiou proseguiamo sul littorale frastagliato, con vedute sull’opposta Poite des Sardinaux.

Lungo il littorale

Anche la vegetazione è diventata varia e, dopo salite e discese più accentuate, raggiungiamo la Pointe de la Rabiou, termine della nostra camminata odierna. Da questa punta prende inizio il Golfo di St-Tropez e se guardiamo verso sinistra vediamo, molto vicina a noi, la cittadina che da questa punta si potrebbe raggiungere con poco più di un’ora di marcia.

Pointe de Rabiou

Sulle rocce de la Pointe

Verso sinistra si vedono le prime case di St-Tropez

Chi volesse compiere un percorso ad anello, potrebbe ancora proseguire fino alla Baie des Canebiers (a circa metà strada per St-Tropez) raggiungendola dopo altri 2200 metri di cammino e, tagliando una parte del Capo, fare ritorno da una stradina interna che va a ricondursi direttamente e velocemente alla Plage des Salins (altri 2250 metri), allungando il percorso per il ritorno solamente di 1400 metri.

Oppure da qui si può raggiungere St-Tropez ma, senza una seconda macchina, diventa problematico il ritorno al parcheggio. Oggi invece torniamo facendo lo stesso percorso dell’andata per goderci ancora il mare e il clima, in questa giornata, meravigliosi.

Al ritorno verso la plage Tahiti

Cartografia indispensabile

Carta 3545OT, 1:25.000Carta 3545OT, 1:25.000, St-Tropez, Ste-Maxime, Massif des Maures, Institut Geographique National
Vedi su Amazon →
Scarica la traccia GPX per il tuo GPS (cos’è?):

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.