Da quando qualche anno fa abbiamo acquistato le prime batterie Eneloop di Sanyo (vedi su Amazon), meglio conosciute come “le Ferrari delle batterie“, le abbiamo inserite in tutti i nostri prodotti. GPS, mouse e tastiere senza fili, telecomandi, orologi da parete, sveglie, torce, flash fotografici. Grazie alla bassa autoscarica sono così performanti da far impallidire qualunque altra batteria. Anche dopo tre anni senza essere utilizzate conservano il 75% della carica originale, al contrario delle ricaricabili “normali” che già dopo un paio di mesi sono quasi completamente scariche.

Recentemente, dopo aver letto diverse recensioni (nel momento in cui scriviamo ce ne sono ben 105 a 5 stelle) delle ultime pile ricaricabili AmazonBasics (vedi su Amazon), non ci siamo sottratti e le abbiamo ordinate per provarle di persona. La cosa che ci ha incuriosito è che il codice prodotto, HR-3UTG-AMZN, a parte l’AMZN finale (che denota appunto il modello Amazon), coincide proprio con quello delle Eneloop.

batterie-ricaricabili-amazonbasics

Alcune delle batterie AmazonBasic che stiamo utilizzando (in ogni confezione ce ne sono 8)

Probabilmente si tratta “solo” della seconda generazione delle Eneloop, contraddistinte dal codice HR-3UTGA, mentre da qualche mese è arrivata la terza generazione (codice HR-3UTGB, vedi su Amazon). Tuttavia la cosa interessante è che costano circa la metà di queste ultime e offrono prestazioni ugualmente notevoli (è difficile notare differenze nell’uso pratico). Sono sempre pronte all’uso, anche immediatamente dopo l’acquisto (a noi sono arrivate con il 99% di carica), un vantaggio non da poco per chi, come capita anche noi, pianifica le uscite all’ultimo minuto.

Per concludere ricordiamo che per preservare al meglio le batterie è bene utilizzare caricabatterie di qualità, come il Technoline BC 700 (vedi su Amazon) o il completissimo Tensai Genius TI-800L (vedi su Amazon), con microprocessore a singolo canale di monitoraggio.