Batterie ricaricabili Eneloop. Ok, ma quali?

Le batterie sono uno dei temi più “sentiti” dai nostri lettori. Ogni giorno centinaia di persone leggono gli articoli che abbiamo dedicato all’argomento e quotidianamente c’è chi ci scrive per chiedere un consiglio. Tutti hanno in comune una forte delusione nei confronti delle batterie utilizzate fino ad oggi: durata non sufficiente, rapido degrado alle basse temperature, elevata autoscarica (anche solo lasciandole nel cassetto), vita media ridotta.

A chi ci chiede quali siano le migliori batterie ricaricabili per i GPS (ma anche: mouse e tastiere senza fili, telecomandi, orologi da parete, sveglie, cronotermostati, torce, flash fotografici, giochi e molto altro) da anni facciamo sempre solo un nome: Eneloop.

In giro ci sono un’infinità di batterie di tutte le marche, alcune con specifiche sulla carta addirittura superiori, ma alla prova sul campo nessuna regge il confronto. Le utilizziamo da così tanto tempo su tutti i nostri dispositivi (e sono tanti!) che possiamo affermare senza timore di smentita che sono le batterie migliori in circolazione.

Alcune delle batterie che usiamo più spesso: praticamente sono tutte Eneloop

Purtroppo, fino a qualche tempo fa dire Eneloop era sufficiente, mentre ora le cose sono diventate più complesse. Ci sono più generazioni di cui tenere conto, più famiglie, alcuni cambi di nome e addirittura un’acquisizione (il produttore originale, Sanyo, è stato recentemente acquisito da Panasonic).

Senza contare che in giro ci sono alcune buone offerte di Eneloop rimarchiate da altri importanti nomi (per citarne un paio: AmazonApple). Per non rischiare di trovarsi tra le mani modelli vecchi, magari acquistati allo stesso prezzo di quelli più recenti, bisogna fare una scelta attenta sulla base di astruse sigle come HR-3UTG, HR-3UTGA, HR-3UTGB, BK-3MCCE, HR-3UWX, HR-3UWXB e BK-3HCCE.

Con questo articolo vogliamo fare un po’ di chiarezza e dare la risposta definitiva a chi le vuole acquistare oggi senza sbagliare. Per chi ha fretta e non vuole leggersi tutto il resto ecco il link diretto all’ultima generazione: vedi su Amazon, da abbinare ad un ottimo caricabatterie, come il Technoline BC 700 (vedi su Amazon). Per chi ha tempo invece ecco la storia completa.

Sanyo Eneloop di prima generazione (HR-3UTG)

Sono le Eneloops originali, introdotte nel 2005 con capacità di 2.000 mAh (minimo 1.900 mAh). Erano ricaricabili 1.000 volte e mantenevano il 75% della loro carica dopo un anno.

Sono le stesse che oggi Amazon commercializza con la sigla HR-3UTG-AMZN a prezzo molto valido (vedi su Amazon, di cui avevamo parlato in questo articolo) e che Apple fornisce insieme al suo caricabatterie (vedi su Amazon, valido qualche anno fa ma ormai poco conveniente visto che il prezzo non è mai sceso).

Sanyo Eneloop di seconda generazione (HR-3UTGA)

La seconda generazione di batterie Eneloop, rilasciata nel 2010, supporta 1.500 cicli di ricarica e mantiene l’85% della carica dopo un anno e il 75% dopo tre anni. Sono identificate dalla sigla HR-3UTGA e si possono ancora trovare in vendita a buoni prezzi (vedi su Amazon).

Sanyo Eneloop di terza generazione (HR-3UTGB)

Nel novembre 2011 le Eneloop sono state ulteriormente migliorate per mantenere la carica fino al 90% dopo un anno, l’80% dopo tre anni e il 70% dopo cinque anni. I cicli di ricarica salgono da 1.500 e 1.800. Sono identificate dalla sigla HR-3UTGB e si possono ancora trovare in vendita (vedi su Amazon). In realtà, vista la ridotta differenza di prezzo rispetto alla generazione successiva, al momento non ne consigliamo l’acquisto.

Panasonic Eneloop di quarta generazione (BK-3MCCE)

A seguito dell’acquisizione di Sanyo da Panasonic, una quarta generazione (e al momento ultima) è stata introdotta nel mese di aprile 2013 con la sigla BK-3MCCE. Il numero di cicli di ricarica sale da 1.800 a 2.100. Sono quelle che consigliamo di acquistare oggi (confezione da 4: vedi su Amazon, e confezione da 8: vedi su Amazon), anche se logicamente il prezzo è superiore rispetto alle precedenti generazioni.

L’ultima generazione di Panasonic Eneloop di quarta generazione (a destra) e di Panasonic Eneloop Pro (a sinistra)

Visto il successo ottenuto dalle Eneloop, nel 2011 Sanyo ha introdotto un modello dedicato ai professionisti e caratterizzato da una capacità superiore, denominato originariamente Eneloop XX (ora Eneloop Pro) facilmente identificabili dal colore nero. Sono batterie che non patiscono le basse temperature e che sono particolarmente indicate per dispositivi affamati di energia, come GPS, mouse senza fili e flash.

Sanyo Eneloop XX di prima generazione (HR-3UWX)

Sono le batterie Eneloop XX originali. Sono caratterizzate da una capacità superiore alle Eneloop normali: 2.500 mAh (minimo 2.400 mAh). Tuttavia, esse conservano “solo” il 75% della loro carica iniziale dopo un anno e possono essere ricaricate 500 volte.

Sono le stesse che Amazon commercializza con la sigla HR-3UTHA-AMZN a prezzo molto conveniente (vedi su Amazon).

Sanyo Eneloop Pro (HR-3UWXB)

Nell’ottobre 2012 Sanyo ha rilasciato la seconda generazione di Eneloop XX (modello HR-3UWXB), che ora diventano Eneloop Pro (vedi su Amazon, anche se al momento non sono convenienti). La nuova generazione ha una capacità maggiore di 50mAh (2.550 mAh nominale, capacità minima 2.450 mAh) e conserva l’85% della carica iniziale dopo un anno.

Panasonic Eneloop Pro (BK-3HCCE)

Pur conservando lo stesso nome e gli stessi dati di targa, dopo l’acquisizione da parte di Panasonic, nel 2013 è stata rilasciata una nuova versione di Eneloop Pro (vedi su Amazon). Sebbene possano subire un numero di ricariche inferiori e costino più care delle “normali” Eneloop di quarta generazione (vedi su Amazon), sono il top dei top e sul mercato non si può trovare di meglio, soprattutto alle basse temperature.

Come ricordiamo sempre, è importante associare alle Eneloop dei caricabatterie validi. Noi consigliamo in particolare il Technoline BC 700 (vedi su Amazon) o il completissimo Tensai TI-800L (vedi su Amazon).

Valerio Dutto

Ha fondato Cuneotrekking insieme a Elio nel 2007. Ingegnere informatico, appassionato di montagna, di sport all'aria aperta e di tecnologia, si occupa della parte tecnica di Cuneotrekking, delle recensioni e delle guide.

Prossimo È arrivato il Garmin vívoactive: il miglior GPS per sportivi?

Precedente Presentazione del libro “I sentieri della storia” con Roberto Pockaj a Villanova Mondovì

Commenti (30)


  1. Grazie Valerio,ottima descrizione!


  2. Mi associo a Claus72. Ottima recensione e ottima chiarezza. Grazie.


  3. Grazie Valerio.
    Meglio di così non è possibile.

  4. Enzo Carbone


    Grazie davvero, chiarissimo e interessante articolo. Spero che ci terrai informati sulle batterie, queste sconosciute! 🙂


  5. ciao Valerio!
    ho comprato il bc700.. che corrente di carica mi consigli di usare per batterie nimh?


  6. Ciao e grazie per la guida. Ho acquistato le Eneloop pro ultima serie e dopo ore passate su internet ho capito che nessuno ha le idee chiare per quanto riguarda la quantità di corrente da utilizzare per ricaricarle dato che ho letto tutto ed il contrario di tutto. Come vanno ricaricate stè batterie? 🙂

    • Valerio Dutto


      Ciao Umberto, in realtà non servono accortezze particolari, basta solo seguire quanto abbiamo indicato al fondo di questo articolo. Così facendo ti posso garantire che durano senza problemi per anni e anni di usi intensi!


  7. altra domanda. Mi sono arrivate le ultime Eneloop pro. È normale che a fine test con il bt 700 mi segna un amperggio superiore ai 2700 mah per tutte e 4 le batterie??


  8. Grazie mill, sarticolo utilissimo!
    Giancarlo da Roma


  9. Ciao, innanzitutto grazie di tutte le vostre preziose spiegazioni!!!!
    Io ho comprato le Eneloop pro e volevo sapere se per ricaricarle è necessario comprare i caricabatterie già citati in vostri diversi articoli, mi spiego meglio io ho un Garmin etrex 30x se compro il trasformatore apposito per corrente o anche per auto da collegare al cavo usb, le batterie Eneloop le posso ricaricare direttamente con il mio dispositivo Garmin?


  10. Salve !voglio acquistare delle pile marca Panasonic Eneloop Pro (BK-3HCCE),pero il mio caricabatteria modello ANSMANN PHOTOCAM4 dati tecnici: PRI:230V-50HZ 8.0VA IP 20
    SEC:4X1,45V= 250mA/90mA 4×0,34VA,va bene per le pile che volgio acquistare ???Vi ringrazio


  11. Ciao Valerio, complimenti per il sito, mi hai risparmiato un sacco di fatica e tempo nella scelta di gps, batterie e altro, complimenti davvero!
    Ti volevo fare, se hai tempo, una domanda: Io sto per partire per un lungo viaggio che mi porterà dalla mia città natale a piedi fino in Cina, per cui non avrò la possibilità molto spesso di caricare le batterie con i caricatori tradizionali, me ne serve uno usb. Quale mi consiglieresti?
    Grazie mille e buona serata!

    • Valerio Dutto


      Ciao Cesare, buona domanda. Onestamente non ho esperienza al riguardo, anche perché i pochi prodotti di questo tipo che ho visto sono “cineserie” di dubbia qualità. Probabilmente, dovessi sceglierne uno, mi orienterei su questo. Considera però che il tempo di ricarica di questi dispositivi è superiore a quello dei caricabatterie tradizionali… In bocca al lupo per il tuo lunghissimo viaggio: facci poi sapere com’è andata!


  12. Grazie per la disponibilità Valerio, lunga vita al lupo!


  13. Oggi ho ricevuto da amazon 4 batterie AAA panasonic eneloop però hanno la sigla BK-4MCCE
    che siano fasulle?


  14. Salve
    ho preso Eneloop pro 2450 mAh.
    Il mio caricabatteria ha un output di 2000 mAh.
    Ci sono problemi? Devo cambiarlo?

    • Valerio Dutto


      Ciao Rolando, direi che quel ricarica batterie va benissimo. Semplicemente, essendo in grado di fornire 2000 mA ogni ora, ci metterà un poco più di un’ora a ricaricare le Eneloop Pro da 2450 mAh. Spero di esserti stato di aiuto!


  15. GRAZIE MILLE


  16. Ciao ho acquistato queste batterie eneloop per il mio etrex 35. Nel navigatore quale sigla devo spuntare. Alcalina-Litio-NiMH-NiMH precariato? Grazie

    • Valerio Dutto


      Ciao Francesco, puoi mettere “NiMH” o “NiMH precariato”. Per le Eneloop Garmin consiglia il secondo (NiMH precariato), ma c’è chi dice invece che sia meglio utilizzare semplicemente NiMH. Questa informazione viene utilizzata per indicare il livello della batteria. Spero di esserti stato di aiuto.


  17. ciao

    ora.. aprile 2017, consigli sempre le stesse dell’articolo?

    http://cuneotrekking.com/go/B00JZBX8DQ

    e ce ne sono di equivalenti Amazon?

    Grazie

    • Valerio Dutto


      Ciao Riccardo, sì, sono sempre loro, le BK-3MCCE di quarta generazione. Non ho aggiornato l’articolo perché al momento è ancora valido in toto. Spero di esserti stato di aiuto.


  18. Buonasera Valerio,
    Volevo avere un suo parere su questo kit batterie (BK-3MCCE)+caricatore ENELOOP BQ-CC17:

    http://cuneotrekking.com/go/B00KM4H4R6

    In realtà ho capito che le batterie sono ok, volevo sapere come sarebbe stato associarle a questo caricabatterie, dato che rispetto al Tecnoline BC700 è molto più economico.
    Grazie

    • Valerio Dutto


      Ciao Mauro, sì sì, va benissimo anche quel caricabatterie. È meno “avanzato” del Technoline BC 700, ma per un uso normale va comunque molto bene.

  19. Lorenzo Capitani


    Ciao Valerio, ho un Oregon 700 e ho acquistato le batterie Panasonic BK-3MCCE/8BE (suggerite qui http://cuneotrekking.com/go/B00KM4H4R6) ma fin dalle prime uscite ho riscontrato una durata nettamente inferiore rispetto non solo al dichiarato da Garmin (16 ore), ma anche dalle varie prove sul campo. Ho seguito i consigli tuoi e di Garmin per ridurre al massimo il consumo:
    • indicare NiMH precaricata come batteria
    • velocità di rielaborazione della mappa normale
    • timeout della retroilluminazione 15 secondi
    • attivare il risparmio della batteria
    • disattivare Bluetooth
    • solo gps senza GLONASS
    • illuminazione disattivata
    • attivata solo una mappa alla volta

    Nonostante questo, consultandolo il minimo indispensabile, non arrivo in registrazione oltre le 6 ore scarse. E scendo a poco meno di 5 ore se ho bisogno di consultarlo per seguire una traccia. Sbaglio qualcosa o è normale?

    • Ha senso prendere delle batterie con mAh maggiori ai 2100 di ENELOOP tipo i 2850 di ANSMANN (http://a.co/8wwj3vP) o i 2700 di Powerex (http://a.co/eWrSryZ )?
    • In escursioni molto lunghe, Invece di portarsi un secondo o terzo paio di batterie è possibile ricaricare con una batteria tampone come si fa con un cellulare? Hai qualche modello che suggerisci?

    GRAZIE

Il tuo commento