C’è grande fermento in casa Garmin. Dopo la presentazione venerdì della TrekMap Italia v4 Pro e ieri del nuovo Forerunner 225 (il primo con misurazione della frequenza cardiaca direttamente al polso senza bisogno della fascia) oggi è il turno del rinnovamento degli eTrex, una delle famiglie a nostro avviso più azzeccate (recensione).

Ad esserne interessati sono in realtà solo il modello intermedio, che ora si chiama eTrex 20x (prima era eTrex 20), e quello top, chiamato eTrex 30x (prima era eTrex 30). Non ci risultano modifiche al modello più economico eTrex 10 (vedi su Amazon).

Le principali funzionalità e il design dei dispositivi rimangono del tutto invariati, per cui sono indistinguibili dai modelli precedenti.

I nuovi Garmin eTrex 20x e 30x

Le modifiche rispetto ai modelli precedenti sono:

  • Un nuovo display sempre da 2,2 pollici ma ad “alta risoluzione” (240×320 pixel contro 176×220), che è la novità più interessante di questi nuovi modelli.
  • La cartografia europea Garmin TopoActive preinstallata che comprende l’Europa occidentale (cosa poco interessante in realtà dato che ci sono ottime alternative anche gratuite, come le OpenMtbMap). Da notare che le Garmin TopoActive si basano sulle OpenStreetMap (grazie a Davide per la segnalazione).
  • Una memoria interna più capiente (3,7 GB contro 1,7 GB), che è sempre possibile espandere ulteriormente attraverso scheda microSD.
  • La possibilità di diventare un telecomando per le action cam Garmin Virb/Elite (recensione) e Virb X/XE (in arrivo in estate).

I nuovi eTrex saranno disponibili a partire da giugno 2015 ad un prezzo di listino di 199,00 € (eTrex 20x) e 249,00 € (eTrex 30x).