Bella e piacevole escursione effettuata in zona carsica, tra pareti bianchissime e prati verdissimi.

Luglio 2015. Raggiungiamo il pianoro dal quale compaiono, come sulla tela di un pittore, la Punta Havis de Giorgio (2203 m), la rocca di Maraquaià (2401 m) e, in mezzo alle due, la cima delle Saline (2612 m).

Pian Marchisio

Percorriamo il tratto di sterrata sulla destra del greto del torrente Ellero che in poche decine di minuti ci conduce nei pressi del rifugio Mondovì (1761 m). Torniamo sempre volentieri a goderci la tranquillità e la bellezza di questo posto, inimmaginabile quando lo si raggiunge per la prima volta percorrendo dal basso lo stretto vallone di accesso. Oggi al rifugio ci sono anche gruppi di francesi e tedeschi. Sul retro del rifugio (palina) seguiamo il sentiero (G5) che prosegue per il colle del Pas, Porta Sestrera e rifugio Garelli.

Dopo qualche centinaio di metri di salita il sentiero piega verso sinistra e percorre, tra rododendri ed altri arbusti, una valletta chiusa al fondo da uno sbarramento naturale. Dopo un tratto su falso piano, il sentiero risale lo sbarramento innalzandosi a zig-zag fino all’intaglio nella roccia, denominato “Porta Biecai”.

Al fondo, lo sbarramento naturale e la Porta Biecai

Subito dopo ci troviamo in un ampio e verdeggiante vallone sospeso chiuso al fondo dal Colle del Pas, delimitato ad est dalle rocche Biecai e dalla Cima Pian Ballaur, e ad ovest dai Rastelli del Marguareis e dalle cime di Serpentera.

Inizio del vallone sospeso (in fondo a sinistra si nota il Colle del Pas)

Il sentiero scende per qualche metro, prosegue poi verso destra lasciando in basso alla nostra sinistra il lago Biecai, in secca in questo periodo per la conformazione carsica del sottosuolo. Poco più avanti lasciamo a destra una deviazione per il lago delle Moie e, proseguendo tra piccoli avvallamenti, tagliamo pendii in leggera ascesa con le curve che seguono le rientranze e sporgenze della montagna.

Percorso su prati

Arrivati ad un ripiano, seguendo una traccia che si sposta verso levante, abbandoniamo il sentiero che si innalza verso Porta Sestrera e il rifugio Garelli e, risalendo piccole balze tra pietre ed erba, raggiungiamo il bel laghetto Ratavuloira (detto anche Rataira) incastonato su un pianoro a 2171 metri di quota. Ci fermiamo un momento per fotografarlo e per ammirare gli Eriofori (fiori bianchi simili a batuffoli di cotone), largamente presenti sulle sponde melmose del lago in questo periodo.

Dal lago Ratavuloira

Particolare degli Eriofori

Riflessi sul lago

Partenza dal lago per il colle del Pas

Con uno strappo riprendiamo il percorso verso destra in direzione del Colle del Pas tagliando le pendici di Punta Emma (2527 m). Purtroppo la giornata, molto promettente dal punto di vista meteorologico al mattino, non lo è più in questo momento per una nebbia improvvisa che sta salendo. Arriviamo sul colle (2342 m), a cavallo tra le valli Ellero e Tanaro.

Per la salita alla cima proseguiamo sul crinale verso est, poi aggrediamo il dorso del monte con una salita poco accentuata, tra lastre di roccia affioranti e tanti fiori, tra cui le stelle alpine.

Sul crinale che ci divide dalla val Tanaro

Stelle alpine

Lago di Ratavuloira, salendo verso la cima

Lungo quest’ultimo facile tratto molti ometti segnano il percorso che termina presso una stele collocata sulla cima più alta.

Verso la cima

La stele nel punto più alto

Siamo a due passi dalla cima delle Saline, situata poche centinaia di metri più ad est, che rimane divisa solamente dal paesaggio lunare del “vallone delle masche” (da noi percorso durante la discesa dalla cima delle Saline).

Dalla cima, il vallone delle Masche

Le nuvole presenti non concedono molta visibilità sulle cime circostanti, specialmente verso il Mongioie (est) ed il Marguareis (ovest).

Durante la discesa

Dopo una permanenza di circa 15 minuti riprendiamo la discesa verso il lago Ratavuloira, dove abbiamo individuato un ottimo punto di ristoro. Ai primi tuoni riprendiamo la strada del ritorno facendo tappa al rifugio Mondovì, in compagnia dell’attore comico Renato Pozzetto, giunto oggi fin qui per trascorrere una bella giornata.

La macchia verde al fondo ha preso possesso del lago

Immagini di discesa verso la Porta Biecai


Cartografia indispensabile

Carta A.S.F. 3, 1:25.000Carta A.S.F. 3, 1:25.000, Marguareis, Mongioie, Institut Geographique National (di difficile reperibilità).
Cartoguida n. 2, 1:25.000Cartoguida n. 2, 1:25.000, Alpi Liguri, Parco Naturale Alta Valle Pesio e Tanaro, Blu Edizioni.

Letture consigliate

Rifugiarsi, Volume 1 (Alpi Liguri)Gabriele Gallo, 2013, Rifugiarsi, Volume 1 (Alpi Liguri), Daniela Piazza Editore
Vedi su Amazon →
Scarica la traccia GPX per il tuo GPS (cos’è?):

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.