Da Garessio raggiungiamo la Colla di Casotto (1379 m). All’arrivo parcheggiamo sul lato destro della strada.

Le previsioni meteo davano tempo migliore, ma qui troviamo grigio e vento forte. Altri escursionisti si fermano con la macchina poi, vista la situazione, ripartono. Non ci facciamo impressionare e seguiamo la sterrata a destra della strada asfaltata. Dopo un’ottantina di metri la abbandoniamo per inoltrarci a sinistra su un sentiero abbastanza mal ridotto in seguito alle disastrose precipitazioni di dicembre.

Questa deviazione ci consente di accorciare un po’ il percorso di salita che per gran parte si sviluppa sulla strada costruita appositamente per portare la grande croce eretta a ricordo dei caduti in guerra.

Il tratto iniziale scorre all’interno di una faggeta al riparo dal vento e raggiunge più sopra il bivio per il colle di Pratorotondo e Rocca della Madonna che lasciamo alla nostra destra e che potrebbe diventare la strada di ritorno.

Bivio

Seguendo i tornanti della strada in faggeta raggiungiamo infine la radura che porta alla gran croce già visibile a distanza.

Nel tratto dopo la faggeta

Negli ultimi tornanti

Il vento ha ripreso la sua potenza e raggiunta la vetta scattiamo alcune foto.

Arrivo alla prima croce

Veduta verso Garessio

La croce, altissima, è stata eretta nel 1969 a ricordo dei caduti di tutte le guerre.

Dal piedistallo

L’altissima croce

Con il tempo bello da quassù dovrebbe esserci una veduta strepitosa, ma le condizioni odierne non ci permettono di fermarci oltre e non abbiamo neanche voglia di tornare compiendo un anello.

Riusciamo comunque a localizzare il Monte Antoroto. Tornando sui nostri passi ci fermiamo nel bosco al riparo dal vento per consumare due panini, poi nuovamente sulla strada del ritorno a Colla di Casotto.

Sulla strada del ritorno…

…a Colla Casotto

Cartografia indispensabile

Carta A.S.F. 3, 1:25.000Carta A.S.F. 3, 1:25.000, Marguareis, Mongioie, Institut Geographique National (di difficile reperibilità).
Scarica la traccia GPX per il tuo GPS (cos’è?):
Bric Mindino
Bric Mindino (142 kB)

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.