Due comunicatori satellitari: il Garmin GPSMAP 66i (sinistra) e il Garmin inReach Mini (destra)

Commenti (13)


  1. Grazie, ottima guida per districarsi tra le varie tecnologie e i vari strumenti. Personalmente in montagna affianco al Garmin Fenix 5 con cartografia, che uso per avere la traccia da seguire, la posizione rispetto alla traccia e per registrare l’attività, un Garmin Oregon 700: ottimo per leggere la cartografia, ma un po’ macchinoso da usare e soprattutto divoratore di batterie soprattutto in registrazione dell’attività (nonostante le Eneloop). Mi chiedo da tempo se non c’è modo di caricare su uno smatphone (iphone, nel mio caso) mappe open (come con il Garmin), scegliendo quella che si preferisce, solo avere la posizione. La carichi, la lasci lì e quando serve gli dai un’occhio. Wikoloc, Viewranger, mpas.me, Outdooractive… provate tutte: tante funzionalità, mappe anche offline da scaricare prima, ma niente che ti faccia caricare l’img o il gmap che vuoi. Suggerimenti?
    Ps: ottimo il sito, le guide, gli itinerari e le foto: siete un punto di riferimento. GRAZIE


    • Ciao, anche io come te:
      Fenix 5 (senza cartografia) solo per registrare tracce e vedere tempi;
      Garmin Oregon 600 che utilizzo solo come mappa (in genere ce l’ho legato con un moschettone allo spallaccio dello zaino). Ottimi per uscite in giornata. Per uscite di più giorni ho problemi con la durata delle batterie ma mi porto delle eneloop di scorta.
      Come app per iphone ti consiglio: Maps 3D PRO © Copyright movingworld GmbH
      La versione pro è a pagamento ma ce n’è una light in prova. Ha 7 mappe precaricate tra cui openstreetmap che credo che si aggiorni in automatico. Puoi scaricare la mappa prima e consultarla in offline. Guarda la descrizione dell’app per vedere tutte le sue potenzialità (tracce, altimetro, ecc..)
      Davide


  2. Come al solito articolo esaustivo e preciso, libero da condizionamenti. Bravo!
    Per quanto riguarda la sicurezza nei comunicatori satellitari proporrei una tua analisi anche sui PLB come il McMurdo.
    Infine quando un articolo che faccia il punto sulle app x lo smartphone?
    Alberto


    • Salve, ho scaricato una mappa Italia ma quando il gps è in uso vedo uno schermo tutto bianco e con solo il cursore di navigazione, non vedo strade sentieri rilievi… come posso fare?


  3. Bellissimo articolo!


  4. Pratico trekking e un pochino di alpinismo quindi l’uso di cui necessito è sapere dove sono e dove vado: cosa che con i gps di cui sopra è molto difficile: la cartografia disponibile e le ridotte dimensioni dello schermo di fatto lo impediscono. Da anni lascio il mio garmin nel cassetto e mi affido ad una app… usavo orux maps ma poi ho scoperto viewranger ed ho scoperto un app semplice e precisissima. come nel mio caso (gite prevalentemente nel nordovest dell’italia) ho acquistato la cartografia della Fraternali (copre Piemonte, Val Aosta e Liguria): carico la mia gita e poi la seguo: ho sempre davanti il mio bello schermo dove ingrandisco, rimpicciolisco: so sempre dove sono e dove vado. Insomma una figata! Non ti perdi mai! Creo la mia traccia (in modo estremamente semplice) o la scarico da internet. Quando parto lo metto in modalità aereo (consuma di meno) e poi mi porto una batteria tampone (se vedo che la gita è troppo lunga e la batteria rischia di esaurirsi collego la batteria tampone). Io mi chiedo da anni e lo chiedo qui: è mai possibile che la Garmin non sia in grado di produrre un gps con uno schermo grande tipo quello di uno smartphone in modo da darmi il risultato di una app che costa pochi euro???? e poi SEMPLIFICARE!!! (i “montagnini” non sono quasi mai ingegneri elettronici!)


    • Ottimo articolo! Finalmente una buona panoramica del variegato mondo dei dispositivi GPS. Personalmente per le mie escursioni sempre in giornata (a piedi, in mtb, ciaspole o da trail runner), da anni utilizzo con soddisfazione un semplice smartphone Android con oruxmaps e le mappe openandromaps scaricate in locale; scelgo smartphone con batterie grandi e specifiche non esagerate, e non ho mai lontanamente avuto problemi di durata di batteria (al prosismo cambio valuterò i ruggedphone).
      Relativamente agli altri problemi che citate con lo smartphone, segnalo che è possibile far mantenere lo schermo sempre acceso nelle opzioni di oruxmaps e che lo schermo del mio smartphone funziona con i guanti leggeri da mtb che generalmente uso.
      Però effettivamente avere i dati a portata di orologio talvolta è comodo ed alleggerisce, per questo ho acquistato uno smartwatch che uso al posto dello smartphone per trail running in zone conosciute, e mi serve anche per le rilevazione della frequenza cardiaca.


  5. Io ho un GPS etrex30 dal 2013 e mi sono sempre trovato molto bene ma purtroppo i tasti si stanno rompendo e il pulsante interno si è staccato (colpa mia) ho ovviato al problema saldando due fili volanti ma non è un lavoro da tenere in considerazione. Siccome non voglio spendere una grande cifra ho preso visione di due modelli etrex touch 35 e Oregon 700. Sono modelli già di qualche anno fa, quindi cosa mi consigli di fare! Dovrei puntare su GPS più recenti e costosi? Grazie mille ciao


  6. Ciao, posso chiedere come mai i twonav non sono presi in considerazione? Uso l’app con le fraternali e adesso mi sono deciso a prendere un garmin, vito l’abbandono totale da parte di twonav dell’app. Però i loro gps “fisici” mi sembrano interessanti, al di la del prezzo. Purtroppo le fraternali su garmin ce le sogniamo…


  7. Ciao, innazitutto grazie e complimenti per l’articolo.
    Volevo sapere se sul Garmin GPSmap 66i è possibile sostituire la cartografia pre-installata con la OpenStreetMap.
    Grazie

    • Valerio Dutto


      Ciao Stefano, sì, certamente! La procedura è la stessa degli altri Garmin.


      • Grazie per la risposta.
        Sempre riguardo la cartografia Garmin pre-caricata:
        leggo che molti dei loro dispositivi vengono forniti con la TopoActive Europe, che risulterebbe essere compilata con il database OpenStreetMap (OSM).
        Al momento attuale esiste qualcosa di meglio per il trekking ?
        Grazie per i vostri sempre preziosi e puntuali consigli.

Il tuo commento