Anello del monte Alpet, 1611 m – Val Corsaglia

Il monte Alpet si trova sul confine tra le valli Corsaglia, Roburentello e Casotto. Seppur di modesta altezza la vetta offre dei magnifici paesaggi con una vista superlativa verso le maggiori alture delle Alpi Liguri. Il monte Alpet è raggiungibile anche in seggiovia da Serra di Pamparato.
Accesso in auto: Per raggiungere la località Pra di Roburent, base di partenza dell’escursione, da Mondovì ci sono due alternative. La prima è quella di proseguire per i paesi di Villanova, Frabosa sottana, Soprana e Corsaglia, svoltando poco dopo a sinistra per la località Pra. La seconda quella che da Mondovì sale a Monastero Vasco, Montaldo, Corsagliola, Corsaglia svoltando poco dopo a sinistra per la località Pra.

Dati tecnici

  • Ascesa: 650 metri circa
  • Distanza: 14,0 km circa
  • Altitudine partenza: 1.004 metri
  • Altitudine massima: 1.611 metri
  • Difficoltà: E (Escursionisti)
  • Sul percorso: Passo, Rifugio, Vetta
  • Ad anello:
  • Partenza: Indicazioni stradali

Pra di Roburent è un graziosissimo paesino dell’alta valle Corsaglia, dominato dall’imponente campanile della chiesa. Sul lato destro un porticato è diventato una vera galleria d’arte ricca di affreschi, mentre i pilastri che lo sostengono sono arricchiti da centinaia di ceramiche dipinte a mano dagli “Amici della ceramica di Mondovì”. Chi viene, come noi, per la prima volta in questo paesino ne rimane affascinato e torna a casa arricchito da tanta bellezza.

Dal parcheggio di fronte alla chiesa di Pra (1011 m) saliamo verso l’interno del paese passando davanti agli splendidi Chalets Mongioie lasciando, quattrocento metri dopo, una sterrata sulla destra (sarà la via del ritorno). Dopo altri 600 metri, ad un altro bivio, ignoriamo la strada a sinistra che conduce a Vernagli e al bel rifugio La Maddalena.

La sterrata che seguiamo oltre l’abitato di Pra

Il percorso si innalza con ampi zig-zag accostandosi a piccoli nuclei di case che non visitiamo poi, più sopra, raggiunge una baita posta sotto uno spettacolare roccione isolato.

Baite che incrociamo lungo il percorso

Baita sotto il roccione isolato

Proseguendo oltre

La strada prosegue a piccoli tornanti costeggiando altri caseggiati prima di approdare ad una radura panoramica affiancata da un ammasso roccioso (1348 m).

Se si ha voglia di salire sulle rocce si può godere di una vista panoramica dell’abitato di Pra e di buona parte della valle Corsaglia. Tra di esse è celata una piccola curiosità: un minuscolo altarino con una campanella.

La radura panoramica

Salendo sull’ammasso roccioso

La chiesa di Pra e un tratto della val Corsaglia viste dal tratto roccioso

Il Mondolè

Il percorso poi si sposta verso destra ai margini di una pineta, e poco oltre tra alcune coltivazioni di mirtilli.

Procedendo oltre le case, dopo un tornante e un mezzo giro, ad un bivio lasciamo la strada che prosegue in piano verso destra e seguiamo un percorso meno marcato in salita a sinistra che affianca, poco oltre, una torretta di avvistamento.

Ci troviamo ai margini dell’estesa radura che precede la cresta. Con un ampio giro la strada ci conduce sul displuvio con le valli Roburentello e Casotto, nei pressi di un pannello e di alcuni cartelli segnaletici. Bellissima visuale su Roburent e sul lontano Monviso.

Qui incrociamo la sterrata che da Serra di Pamparato sale al monte Alpet.

Displuvio sulle valli Roburentello e Casotto

Svoltando verso destra andiamo a raggiungere l’arrivo di una seggiovia.

Diverse decine di ragazzi, tra cui un folto gruppo di francesi, al momento del nostro arrivo stanno compiendo dei percorsi downhill e freeride con le loro mountain bike sulle piste che scendono verso Cardini.

Un centinaio di metri dopo ci troviamo sulla cima del monte Alpet (1611 m).

Arrivo al monte Alpet

Una tavola in pietra con tutti i nomi delle montagne contornanti è posta nei pressi della croce e da lì possiamo godere un vasto paesaggio verso il Mongioie (2630 m) e il Pizzo d’Ormea (2476 m).

Veduta del Mongioie

Più tardi iniziamo la discesa verso la colla di Navonera scendendo il pendio nel versante opposto (direzione sud). Il sentierino passa a destra della Roccia Pamparina ed entra, più avanti, in faggeta.

L’entrata in faggeta

Seguendo le tacche bianco/rosse, con un piccolo traverso diagonale verso destra ci ricongiungiamo, dopo circa 700 metri, alla “strada dei cannoni” proveniente dalla cima Robert e dal monte Baussetti.

Al bivio, seguendo la strada dei cannoni, svoltiamo a sinistra all’interno di un’estesa faggeta, aggirando la cima Bric del Lago (1501 m) fino a raggiungere con una discesa le costruzioni della colla della Navonera (1422 m).

Qui, oltre ad un piccolo santuario dedicato alla Madonna della Neve è presente sulla radura anche il nuovo rifugio Navonera dell’A.N.A., costruito tra il 2006 e il 2011, che sostituisce quello del 1940.

Colla di Navonera, verso il rifugio omonimo

Il nuovo rifugio Navonera

Per il ritorno a Pra seguiamo la strada sterrata che passa davanti al rifugio e che continua oltre, ignorando in discesa tutte le altre diramazioni.

Il tratto di sterrata che prosegue oltre il rifugio

Proseguiamo con una serie di tornanti nella faggeta su sterrata per un buon tratto fino ad affiancare, a sinistra, un manufatto per la captazione dell’acqua.

Il tratto di discesa seguente, su strada dissestata, ci porta più in basso verso un incrocio con un’altra strada, dove svoltiamo a destra.

Non ci rimane che seguire tutte le pieghe dei valloncelli che, dopo circa 3 chilometri e mezzo di percorso, ci riconducono direttamente alla borgata Pra.

In discesa verso Pra

Ginestre sulla strada del ritorno

Pra

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Anello del Monte Jurin, 2192 m, dal Pian delle Gorre - Valle Pesio

Precedente Escursione al Bec Rosso, 2154 m – Valle Vermenagna

Strutture di appoggio nei dintorni

Chalets Mongioie

Chalets Mongioie

331-7763877

Rifugio la Maddalena

Rifugio la Maddalena

Località Vernagli, 1, 12080 Montaldo di Mondovì CN

Rifugio Navonera

Rifugio Navonera

348.8243504

Cartografia essenziale

Carta A.S.F. 3, 1:25.000

Carta A.S.F. 3, 1:25.000

Institut Geographique National

Marguareis, Mongioie

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Commenti (9)


  1. bravi bravi ciao


  2. Grazie per le tue splendide relazioni che ci regali con le tue esperienze montane !


  3. Davvero una bella escursione… la frazione di Ora, poi, è un vero gioiellino che non conoscevo!
    complimenti come sempre


  4. Spiegazione dettagliata e molto ben documentata grazie anche delle foto.
    Oggi abbiamo effettuato questa escursione, ed il percorso è davvero piacevole.
    Fondamentale è stata la traccia gpx senza la quale non avremmo completato il giro poiché non siamo riusciti a scorgere il cartello di inizio sentiero in quanto non è sull’incrocio e la vegetazione lo copre parzialmente.
    Senza questa pubblicazione non saremmo mai arrivati al monte Alpet.
    grazie ancora dell’ottimo lavoro.

Il tuo commento