Escursione a Punta Incianao, 2575 m – Valle Stura

La punta Incianao è situata sulla destra orografica della valle Stura, a sud di Argentera in prossimità della cima delle Lose. L'escursione sfrutta per un lungo tratto la sterrata degli impianti sciistici di Argentera, poi prosegue senza sentiero verso la cresta che conduce alla cima delle Lose.

Da Borgo San Dalmazzo seguire la statale 21 del colle della Maddalena e superare vari paesi tra cui Demonte, Vinadio e Pietraporzio. Giunti a Bersezio parcheggiare l'auto a circa metà paese, appena prima del ponte a sinistra che conduce alla borgata Ferriere.

  • Ascesa: 950 m circa
  • Distanza: 12,0 km circa
  • Altitudine partenza: 1.624 m
  • Altitudine massima: 2.575 m
  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Sul percorso: passo, vetta
  • Ad anello: No
  • Cani ammessi: Al guinzaglio
  • Partenza: Indicazioni stradali

Cartografia e approfondimenti

20 ottobre 2018. Superiamo il ponte che conduce a Ferriere proseguendo per un buon tratto verso quella località. Al terzo tornante, nei pressi del piloncino del sacro cuore, abbandoniamo l’asfalto per seguire a destra una sterrata che inizia in leggera discesa tra i larici.

Dopo poche centinaia di metri, circondati da alte piante di larice, riprendiamo a salire verso una radura (bivio, palina 301) che contempla ampi panorami verso le cime della testata dell’alta valle Stura, tra cui l’Oronaye.

Qui lasciamo la strada che prosegue in piano all’interno della radura e proseguiamo su quella che, a sinistra, si infila nel bosco (palina 302).

La strada continua in seguito verso sinistra avvicinandosi ai piloni della seggiovia, quindi supera il punto intermedio della stessa e con uno zig-zag raggiunge una radura superiore.

Il tratto seguente ci conduce verso una pietraia, oltre la quale si intravede già il punto di arrivo della seggiovia.

Raggiunto il colletto Incianao (2292 m), è stupendo il panorama che si presenta verso sud, ove riconosciamo il colle di Stau (2500 m) inserito tra la Rocca Verde (2694 m) e il monte Peiron (2796 m), la Testa del Ferro (2769 m), ecc., e verso nord l’Oronaye (3100 m) e l’Oserot(2861 m), mentre ad ovest si profilano la punta Incianao (2575 m) e la cima delle Lose (2813 m) un po’ defilata.

Ora proseguiremo lungo il falsopiano affrontando alcuni tratti della strada tra il verde-giallo dei prati tempestati di roccette dolomitiche. La punta Incianao è situata in alto, a destra, sulla costa che prosegue verso la cima delle Lose prima di un prominente dente roccioso.

Dopo qualche centinaio di metri di strada, aggirato uno spallone, deviamo a destra inoltrandoci su una ripida china priva di sentiero.

Proseguendo in salita a zig-zag e, in ultimo, con un traverso diagonale, raggiungiamo la soprastante cresta.

Superando a sinistra i dossi e i tratti rocciosi che si presentano lungo il percorso raggiungiamo infine la punta Incianao (2575 m), sormontata da una croce in legno.

Il panorama a giro d’orizzonte è incantevole su tutte le maggiori cime della valle. Riprendiamo in seguito la discesa al colletto Incianao dove ci fermiamo per la sosta pranzo.

Ammirando nuovamente il “foliage” dei larici torniamo più tardi verso Bersezio sul medesimo percorso del mattino.


Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Puoi essere il primo a scrivere un commento.

Il tuo commento

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, ecc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.