Escursione ad anello della Costa dell’Arp – quota max. 1885 m – Valle Gesso – inverno

La Costa dell’Arp è una lunga dorsale divisoria tra le Valli Gesso e Stura che prende origine dal Monte La Piastra (1835 m). La cresta prosegue in direzione ovest con una serie di dossi e cuneette che portano, verso il termine, alla Cima Cialancia (1885 m) punto di maggiore elevazione della Costa. Proseguendo in discesa verso il Colle dell’Arpione (1735 m), va alfine a fondersi tra il Monte Merqua (2148 m) e il Bourel (2468 m).

Dati tecnici

  • Ascesa: 1.070 metri circa
  • Distanza: 14,0 km circa
  • Altitudine partenza: 1.085 metri
  • Altitudine massima: 1.885 metri
  • Difficoltà: E (Escursionisti)
  • Sul percorso: Passo, Vetta
  • Ad anello:
  • Cani ammessi: Al guinzaglio
  • Partenza: Indicazioni stradali

Ci troviamo oggi 30 dicembre 2011 a Desertetto per questo bell’anello proposto dall’amico Fulvio. Sono qui con lui e Riccardo per compiere da San Bernardo (Desertetto) tutta la traversata della cresta, dalla Cima Piastra al Colle dell’Arpione.

A nostro avviso, il senso di marcia più logico per compiere l’anello è quello che sale dal Colle dell’Arpione, ma oggi lo vogliamo percorrere al contrario perchè Fulvio, volendone verificare la segnaletica, è curioso di vedere come è stata tracciata la parte che da San Bernardo sale alla Cima della Piastra.

L’itinerario di questo nostro anello ha inizio dal pilone antistante il piazzale dove si parcheggia l’auto. Un cartello ne segna il punto di partenza. La stradina sterrata (tacche bianco-rosse) ci conduce nel primo tratto del vallone denominato “La Biula”.

Dopo un pò di cammino ci troviamo già in difficoltà. In mancanza di ulteriori segnali, dobbiamo scegliere se continuare la salita lungo il costone o prendere una stradina che degrada nel vallone. Fatti pochi passi in discesa, scorgiamo dietro una curva un paletto seminascosto che indica il percorso (per la verità, dopo quest’ultimo non troveremo più altre segnalazioni per un bel tratto).

A naso, quindi, proseguiamo la salita (non così comoda) sul versante di sinistra, fin tanto che non scorgiamo più in alto un sentiero che, verso destra, va a tagliare il vallone della Biula e si dirige sul lato opposto dove si intravede un corto boschetto di faggi.

Il sentiero, poco battuto ma che si rivelerà giusto, ci porta su uno spallone; proseguendo in salita verso sinistra, ecco comparire, finalmente, un picchetto segnavia (che probabilmente è più utile per segnalare la direzione a chi scende) e qualche altra tacca sulle pietre. A zig-zag seguiamo verso l’alto tutto il ripido e lunghissimo costone erboso, dirigendoci verso alcune rocce visibili in cresta.

In salita sullo spallone dopo il boschetto di faggi

Ecco come si presenta la salita

Dopo circa 800 metri di dislivello, da San Bernardo, tocchiamo lo spartiacque che ci divide dalla Valle Stura, nei pressi della Croce dell’Arp.

 

Arrivo alla Croce dell’Arp. Al fondo è visibile il Monte La Piastra

Alla nostra destra e poco distante è visibile il Monte La Piastra (1835 m) che andremo ora a raggiungere seguendo l’ampio e facile crestone.

Fulvio in cammino verso La Piastra

Sulla Costa con il Monte Matto sullo sfondo

Lo troviamo costellato da antenne e ripetitori, ma possiamo finalmente godere di un panorama vastissimo che, partendo dal Monte Saben (1670 m), abbraccia tutto il vallone di Entracque coi Monti Bussaia (2451 m) e Frisson (2637 m) sullo sfondo, per spingersi fino al Monte Ray (2318 m), alla Cima del Lausetto (2687 m) e al Monte Matto (3097 m).

Vallone di Entracque. Al fondo il Frisson (la montagna appuntita) e la Rocca dell’Abisso più a destra

Ai nostri piedi, cinquecentoventotto metri più in basso, è adagiato il Santuario della Madonna del Colletto e, più sotto, Valdieri.

Il Santuario della Madonna del Colletto visto dal Monte La Piastra

Dobbiamo ora invertire la marcia per percorrere verso ovest tutta la Costa dell’Arp che, dopo numerosi sali-scendi, ci condurrà al Colle dell’Arpione passando prima nel punto di maggior elevazione della nostra escursione: Cima Cialancia (1885 m).

In cammino verso Cima Cialancia

Parte del lungo tragitto da affrontare

E’ un lungo percorso di circa 5,75 km, che si snoda in bilico tra la Val Gesso e la Valle Stura e ci porta a toccare alcuni piccoli dossi di altezze irregolari presenti lungo il cammino offrendo, nel contempo, panorami stupendi sulla pianura cuneese e sulle due vallate. Fulvio ed io abbiamo modo di sbizzarrirci nel fotografare deliziosi paesaggi.

Verso metà del tragitto

A circa metà del cammino, il sentiero, abbassandosi, si sposta sul versante di Desertetto per aggirare alcuni tratti rocciosi. Lo seguiamo per un pò, quindi, per non perdere troppo dislivello, lo lasciamo proseguire tagliando, con un traverso, i ripidi versanti erbosi fino ad approdare ad una selletta (1671 m) di faggi e betulle che precede l’ultimo tratto in salita.

Tratto nel traverso

Cima Cialancia, nascosta un pò dall’albero, all’estrema destra

Dalla Cima Cialancia visuale sulla Costa dell’Arp 

Raggiungiamo la Cima Cialancia dopo aver percorso oltre duecento metri di dislivello di salita dalla selletta. Ora possiamo fermarci un momento dal cippo di pietre per ammirare il vicino Monte Bourel e l’abitato di Demonte (1100 metri più in basso) con i suoi dintorni. Dal punto più elevato raggiunto, non rimane che scendere un pò più giu per trovare un posticino riparato per il pranzo.

Demonte (1100 m più in basso) visto dalla  Cialancia

Cima Cialancia

Superata in discesa la Cima Peirolera (1827 m) scoviamo nelle vicinanze del Colle dell’Arpione una conca che fa per noi.

Dal “ristorante”, ultimo sguardo sul percorso appena compiuto

Riprenderemo, più tardi, la facile discesa che dal Colle ci riporterà a concludere questo bell’anello a San Bernardo.

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Escursione al Monte Toraggio - 1973 m - e anello del Sentiero degli Alpini - Alpi Liguri

Precedente Escursione invernale al Bric Costa Rossa, 2404 m – Val Colla

Cartografia essenziale

Carta n. 113, 1:25.000

Carta n. 113, 1:25.000

Istituto Geografico Centrale

Parco naturale Alpi Marittime, Entracque, Valdieri, Mercantour, Gelas

Vedi su Amazon

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Commenti (9)


  1. Ciao, ho scoperto per caso il vostro bolg e l’ho trovato veramente bello ed interessante .
    Amo molto il trekking , io ed un’amica abbiamo percorso in lungo ed in largo i sentieri intorno al Lago di Garda , presso cui viviamo, e d’Iseo.
    Volevamo avventurarci sulle vostre montagne e quest’anello ci sembrava adatto per cominciare a conoscerle . In che condizioni si può trovare ad inizio febbraio ? Tanta neve ? vedo che a dicembre era ancora percorribile tranquillamemte .Grazie per le informazioni .
    E complimenti di nuovo , Luisa

    • cuneotrekking


      Ciao Luisa. Ti ringrazio per i complimenti, dicendoti che è bello sapere che il nostro blog serve a far apprezzare le nostre montagne anche a persone così distanti dalla nostra Provincia. (Come avrai potuto vedere, nella “lista escursioni” abbiamo, attualmente, più di 160 gite descritte)
      Riguardo le condizioni nevose in cui si trova la Costa dell’Arp, posso dirti che in questo momento sono ancora tali e quali come le vedi sulle foto. Per febbraio sembra sia prevista neve, ma se ti interessa conoscerle più avanti, non hai che da chiedercele e ti aggiorneremo la situazione.
      Ciao, Elio


      • Grazie mille ,mi farò sentire e se vi fa piacere vi lascerò un commento post gita .
        Ciao , Luisa

      • Guido (sensafren)


        Salito oggi da Desertetto ( 01-03-2012)desideroso di iniziare a passeggiare nelle nostre montagne ove nn ci sia più neve , diretto al colle dell’Arpione e poi Cima Cialancia. Neve assestata nel primo pezzo , poi più su a tratti ma evitabile e comunque non da problemi, le ghette sono rimaste nello zaino . Tutto il versante della Costa dell’Arp , fino al colle è sgombro di neve e in cresta si cammina benissimo ,Solo il versante che da sulla valle Stura è innevato.Classica , facile , ma sempre bella gitarella di inizio stagione .

        • cuneotrekking


          Ciao Guido, le tue segnalazioni sono molto utili per capire com’è lo stato della neve a quelle altezze. Ciao.


  2. Giro bellissimo ma purtroppo mal segnato. Alcuni passaggi in cresta e in discesa dalla Piastra a San Bernardino sono sprovvisti di tacche o altri segni. Andrebbe tracciato meglio, peccato perchè è molto scenografico.


    • Hai ragione Walter. In tanti punti devi cercarti il sentiero, ma se dovessi trovare nebbia diventerebbe difficile orientarsi.

  3. Mattia Bertero


    Ciao a tutti voi.
    Oggi si torna in montagna con i colleghi di lavoro, anzi un collega di lavoro, Davide, l’altro ha dato buca all’ultimo.
    In realtà con loro sono già stato due settimane fa a fare il Giro delle Borgate Colletto-Narbona e Valliera (per Campofei mi hanno chiesto pietà, erano stanchi ed a Colletto avevamo un tavolo per pranzo da Osteria da Marì…), la settimana dopo con la sola Silvia abbiamo tentato di andare alle Basse di Narbona partendo da Celle di Macra attraverso il Vallone del Tibert, non riuscendoci per la neve ghiacciata.
    Decido di proporgli una parte del anello che avete proposto, partendo da Desertetto passando per il Colle dell’Arpione ed infine la Cima Cialancia come destinazione finale per poi tornare indietro per lo stesso percorso.
    Così alle 8:30 siamo a Desertetto in partenza, il tempo è stupendo e si sta anche bene.
    Subito veniamo accolti da un cane da pastore di nome Whisky leggendo la targhetta (un Slovensky Cuvac come veniamo sapere dalla padrona a fine escursione, stranamente affettuoso con gli estranei) che non ci molla un attimo.
    Iniziamo a partire e lui inizia prima a seguirci e poi a starci davanti.
    Non riuscendo a mandarlo via decidiamo di tenerlo con noi.
    Seguendo la sterrata che sale al Colle dell’Arpione iniziamo la nostra salita.
    Inizialmente con pendenza lieve ma dopo inizia ad aumentare sempre di più, salendo in maniera costante.
    Erano anni che non tornavo qui e non mi ricordavo questa pendenza, propongo al mio collega se vuole tornare indietro ed andare in un altro posto qui vicino ma lui dice che va bene così.
    Intanto Whisky ci sta sempre davanti e si nota subito la sua natura di cane da pastore: attento ai rumori, esplora la zona circostante, in avanti per controllare il percorso ed attendere il nostro arrivo.
    Ogni tanto ci richiede un po’ d’acqua e di cibo cercando di accontentarlo come possiamo.
    Arriviamo dopo un’ora circa di faticosa salita ad un bivio che a destra porta all’Arpione direttamente, a sinistra, si perde tra varie curve dei versante del Monte Merqua arrivando al Gias del Colle dell’Arpione ed infine al colle stesso.
    Decidiamo di prendere la via più lunga ma meno ripida.
    Tra tornanti e sali scendi arriviamo a quota 1700 circa che compare la neve: un leggero strato che si rivelerà infimo, facendoci scivolare diverse volte.
    Il panorama al Gias si apre, vediamo che la Costa dell’Arp ha anch’essa un leggero strato di neve su tutto il suo percorso.
    Arriviamo al Colle dell’Arpione dopo 2 ore e 20 dalla partenza e ci riposiamo dalla lunga e dura salita, Whisky gioca sulla neve.
    Quanta forza ha ancora…
    Dopo 5 minuti riprendiamo la salita verso la Cima Cialancia, la neve cancella il sentiero quindi procediamo a stima verso il suo ometto di pietra.
    Intanto a sinistra ci compare la Valle Stura con Demonte sotto di noi, notiamo che le nuvole iniziano a condensarsi in direzione Nord.
    Arriviamo in cima dopo 20 minuti dal colle.
    Diversi gruppetti di escursionisti arrivano oppure proseguono in tutte e due le direzioni dell’anello.
    Il panorama è molto bello ma il tempo comincia seriamente a guastarsi.
    Mangiamo il pranzo in vetta, ovviamente Whisky ha la sua parte.
    Saremo rimasti li un po’ ma sentiamo un rumore di tuono da Vinadio.
    Decidiamo di scendere velocemente.
    La discesa dal Colle (intraprendiamo il classico sentiero) ci arriva la pioggia.
    Fortunatamente dura pochi minuti e poi smette.
    Alle 14:00 siamo già a Desertetto.
    Qui troviamo la padrona che stava cercando Whisky, rassicurata che altri escursionisti che ha incontrato gli hanno detto che il cane era con noi.
    Una faticosa escursione ma comunque bella, Whisky è stata una piacevolissima sorpresa.
    Un saluto da Mattia da Mondovì e Davide.da Levaldigi.

Il tuo commento