Escursione ai Monti Balur, 1827 m e Testas, 1830 m – Valle Gesso

I Monti Balur e Testas sono due cime di modesta altezza della Valle Gesso, ubicate sulla sinistra orografica del vallone laterale di Roaschia in un luogo appartato, poco conosciuto ma di grande respiro.
Accesso in auto: Recarsi a Roaschia e, aggirando il paese, presso un pilone in mattoni svoltare a destra seguendo la strada che sale alla fonte della Dragonera. Dopo qualche centinaio di metri fermiamo l’auto in uno spiazzo nei pressi di un cartello informativo da cui ha inizio la strada sterrata (847 m).

Dati tecnici

  • Ascesa: 1.040 metri circa
  • Distanza: 10,6 km circa
  • Altitudine partenza: 847 metri
  • Altitudine massima: 1.830 metri
  • Difficoltà: E (Escursionisti)
  • Sul percorso: Grangia, Rifugio, Vetta
  • Ad anello: No
  • Partenza: Indicazioni stradali

Maggio 2014. Dopo circa 1 km di cammino sotto le pendici della Punta Rocciaia tra alberi di frassino e betulle, incrociando alcune volte il rio, arriviamo ad un bivio dove prendiamo a destra verso il gias Fontana Freida (palina) trascurando la deviazione che porta ai Tetti Virutra.

Dopo meno di 200 metri, nei pressi di una seconda palina, la strada termina e si riduce a sentiero (1027 m). Cominciamo a salire in modo più sostenuto addentrandoci in breve in un bel bosco di faggi su un percorso davvero gradevole che sale ripido a zig-zag sulla sinistra orografica del vallone.

Durante la salita si passa sotto le dolomitiche e vertiginose pareti rocciose della Punta del Van (1967 m). Un traverso al termine del lungo percorso in faggeta raggiunge una zona interessata dalla slavina dell’inverno 2012/2013 che ha lasciato sul terreno parecchie decine di tronchi. Ora il tratto percorso dal sentiero è stato ripulito.

Nella zona interessata dalla slavina

Salendo ci affacciamo all’ampia conca del vallone della Freida. La colla Balur rimane ancora un po’ nascosta a sinistra ma fin da subito si nota, al centro, l’omonima erta cima.

Conca del vallone della Freida. Si vede la Cima Balur

Il sentiero si destreggia sulla sinistra orografica, supera qualche nevaio residuo e va a ricongiungersi, più su, ad un’ampia strada che, in discesa, taglia le pendici del Monte Testa e della Punta del Van portando verso il Passo del Van (1761 m). Seguiamo la strada che sale fino al gias Fontana Fredda (1591 m), lasciandolo a destra per proseguire su percorso a tornanti fino alla colla Balur (1780 m).

Ricongiungimento con la strada che porta al Passo del Van

Durante l’avvicinamento una dozzina di caprioli scorrazzano sui prati in prossimità della colla.

Il Monte Balur

Sulla sella è ubicato il rifugio privato del Balur, costruito in pietra con tetto in lamiera; poco distante è collocata una seconda costruzione.

Il rifugio posto sulla colla

Spostandoci lungo il prato verso destra andiamo a scegliere un punto d’attacco per la salita al Monte Balur (1827 m), che si presenta ripido e scivoloso.

Inizio della salita al Monte Balur

La salita tra rododendri

Verso la piccola cima

Aggirandolo leggermente a destra, in ripida salita procediamo a istinto lungo una rampa erbosa, tra rododendri e moltissimi fiori, fino al cippo in pietra che ne segna il punto più alto.

In cima

Grande panorama sul vallone di accesso, sulla vicina cima del Testas (1830 m), sulla Bisalta (2404 m) e, a sud, sui monti Servatun (2277 m) e Bussaia (2451 m); a nord sulla Punta del Van (1969 m).

Dalla cima veduta sulla colla e il rifugio

La cima Bussaia a destra

Dal Monte Balur scendendo sul lato opposto ci ricongiungiamo al sentiero che torna verso il rifugio.

Ritorno sulla verdeggiante colla

Monte Balur visto dal rifugio

Ancora veduta sul Bussaia e il Servatun

Spostandoci poi verso est, attraverso prati verdissimi e infiorati, andiamo a raggiungere l’arrotondata cima del Monte Testas.

Croce di vetta sul Monte Testas

Dalla croce di vetta vediamo in seguito sopraggiungere la nebbia che ha già invaso il vallone della Freida. In pochi minuti ne rimaniamo avvolti ed è proprio un peccato dover abbandonare un luogo così aperto e incantevole.

Veduta dal Monte Testas verso la Colla Balur con la nebbia che inizia a salire

Attendiamo un momento per vedere se si dirada, poi riprendiamo la discesa fino al gias Fontana Fredda trovando un buon posto per la sosta del pranzo. Infine ritorniamo sui nostri passi a Roaschia.

Sulla strada del ritorno

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Escursione alla Cima di Anan, 1801 m - Valle Roya

Precedente Salita e anello del Monte Grosso, 2041 m – Valle Ellero

Cartografia essenziale

Carta n. 113, 1:25.000

Carta n. 113, 1:25.000

Istituto Geografico Centrale

Parco naturale Alpi Marittime, Entracque, Valdieri, Mercantour, Gelas

Vedi su Amazon

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Commenti (6)


  1. Molto bella questa escursione, non mancherò sicuramente di farla…
    Grazie…

  2. Mattia Bertero


    Ciao a tutti voi.
    L’escursione di questa mattina riprendere quasi esattamente questa qui dei ragazzi di Cuneotrekking con una piccola differenza che dirò più avanti.
    Siccome nel pomeriggio avevo un impegno do uno sguardo ad escursioni di vallate vicine a casa mia (Mondovì) o relativamente vicine.
    Ed ecco che girovagando nel sito trovo questa, mi ispira molto.
    Non l’ho mai fatta in vita mia.
    Parto molto presto per permettermi di arrivare presto a casa, così alle 7:45 sono a Roaschia ed inizio ad intraprendere il sentiero.
    Quando sono partito da Mondovì il tempo era nuvoloso ma le previsioni dicevano che avrebbe rischiarato per la mattinata, infatti non vengono smentite: le nuvole alla partenza stanno piano-piano diradandosi.
    Fa freddo ed il vento è gelido quando c’è.
    La prima cosa che noto subito è che la via sterrata inizia a salire un po’ decisa verso il Vallone di Freida, più avanti incontro un boscaiolo con un giovane che stanno tagliando un po’ di tronchi.
    Più avanti la via si trasforma in sentiero.
    Ed ancora salita…
    Il tempo continua a migliorare.
    Successivamente la via si immette in un bosco di faggi in piena fioritura mentre sul terreno c’è ancora un tappeto di foglie secche dell’autunno precedente, il contrasto rende il luogo molto caratteristico.
    Ed ancora salita…
    Il sentiero non è molto marcato ma è ben tenuto e ben visibile.
    Verso la fine del bosco ci sono ancora i segni della slavina che i ragazzi di Cuneotrekking avevano già constatato, dalla fotografia del sito non è cambiato niente.
    Ed eccomi che improvvisamente sbuco nella conca del Vallone di Freida e qui ho una “bella” sorpresa: c’è ancora tanta neve, in verità pensavo di trovarne di meno.
    Proseguo fiducioso che avrei trovato una soluzione, il sentiero tutto sommato si mantiene pulito fino a poco sotto il Gias di Fontana Freida, da quel punto la neve risulterà una presenza costante fino quasi al Colle Balur.
    Intanto sui costoni della Punta Baral un branco di circa una ventina di camosci mi tiene d’occhio per poi scappare quando decidono che sono troppo vicino a loro, bellissimi.
    Il problema della neve in questione è che nella notte deve aver fatto talmente freddo che ha congelato la neve ed io non ho portato l’attrezzatura per poterla affrontare in sicurezza.
    Accidenti…
    Non è nemmeno così spessa ma la pendenza del posto è notevole per un piccolo strato.
    Così decido di arrivare verso il colle ad occhio, cercando più possibilmente sprazzi di terreno libero e, nei passaggi obbligatori su neve, dove è il più piano possibile.
    Ed ancora salita…
    Con notevole attenzione proseguo verso il colle, alla mia destra il Monte Balur domina su tutto.
    Un passetto alla volta arrivo dalle parti del Colle Balur dove la neve invece era già stata sostituita dall’erba verde della primavera.
    Arrivo al Colle Balur dopo due ore dalla partenza da Roaschia.
    Qui studio il modo per salire sul Balur ma noto che i suoi pendii sono ancora innevati.
    Niente da fare, ci rinuncio, troppo pericoloso.
    Così punto sulla sgombra cima del Monte Testas.
    Arrivo a destinazione in breve tempo ed il panorama che mi si presenta è meraviglioso: il tempo ormai è perfettamente sereno e la pianura cuneesi è ben visibile verso Nord, volgendo verso Ovest ecco il fiero Monviso e le montagne delle Valli Po, Maira e Varaita, vicino al Testas le montagne della Serra Garb si presentano ancora con abiti invernali (Testa, Guardiola, Servatun, Bussaia).
    E il silenzio è quasi totale, peccato che ogni tanto si sentono in lontananza i rumori dei macchinari delle vicine cave.
    Rimango sulla vetta per un’ora per mangiare e per riposarmi.
    Poi riprendo la discesa e quello che confidavo si è avverato: il Sole ha scaldato la neve e la resa più morbida, rendendo notevolmente più agevole la discesa (prestando sempre la dovuta attenzione s’intende).
    Dopo un’ora e quaranta sono di nuovo a Roaschia.
    Bella gita, in un vallone abbastanza isolato e selvaggio, bello il come prima sembra tutto così impervio e poi sul colle tutto diventi arrotondato e aperto. C’è ancora un po’ di neve, magari consiglierei di portarsi almeno dei ramponi che potrebbero ancora servire, io me la sono cavata ma ho preso qualche rischio di troppo.
    Peccato per il Monte Balur ma non era il caso di rischiare.
    Un saluto da Mattia da Mondovì.


    • Bravo Mattia, gran bella escursione, anche se hai trovato un po’ di neve. Per stare più tranquilli, con le temperature odierne converrebbe portarsi dietro un paio di ramponi, che possono risolvere situazioni anche solamente per brevi tratti. Altro bel percorso, da quelle parti, è la cima di Van, ma è meglio aspettare che la neve se ne sia andata. Ciao.

      • Mattia Bertero


        Ciao Elio.
        Si infatti, non pensavo proprio di trovarne ancora così tanta e così dura.
        La Cima di Van l’avevo anche presa in considerazione, la farò quest’estate allora vista la neve presente nella zona.
        Un saluto e grazie per la citazione dell’escursione alla Punta Culour :-).


  3. Ciao a tutti, io volevo solo sapere quando si impiega a salire fino in cima, in quanto stavo programmando di andare in mattinata. È’ fattibile ?

    • Valerio Dutto


      Ciao Matteo, essendoci più o meno 1000 metri di dislivello considera circa 2 ore/2 ore e mezza per la salita…

Il tuo commento