Escursione al Monte Salè – 2630 m – Alpi Cozie – Valle Stura

Il Monte Salè è situato nel vallone dell’Arma a circa metà strada tra il Monte Omo (2615 m) ed il Monte Nebius (2600 m). La sua Cima, di rocce calcaree, ricorda la struttura di Rocca la Meja. Può essere raggiunta facilmente dal Vallone di Serour.

Dati tecnici

  • Ascesa: 970 metri circa
  • Altitudine partenza: 1.847 metri
  • Altitudine massima: 2.630 metri
  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Ad anello:
  • Partenza: Indicazioni stradali

Sono stato moltissime volte, per escursioni, nel Vallone dell’Arma ma non avevo ancora messo piede su quel tris di cime: Nebius, Salè e Savi che dominano dall’alto la Val Cavera e la Valle Stura.

La proposta di Riccardo, per la salita su una di queste, è stata quindi subito ben accetta. Viste le previsioni abbastanza favorevoli per il giovedì 1° luglio 2010, ci diamo appuntamento, verso le 8:15, nel piccolo parcheggio antistante il rifugio Carbonetto (1874 m), sulla strada che da Demonte sale al Colle di Valcavera.

Salendo tra i fiori nel vallone del Serour

Il primo tratto percorso, in leggera discesa sul lato opposto della strada, è sullo sterrato che contorna ad est la base del Monte Omo e porta alla vera partenza situata nelle vicinanze del Gias Serour (1813 m).

Giunti al Gias, osservando questo magnifico vallone, decidiamo sul momento di compiere un fuori programma, ovvero di risalire tutta la valle fino al colletto situato appena a destra di due guglie aguzze che paiono due gendarmi; questo per farci un’idea generale della zona che non conosciamo ancora bene.

Dalla palina di partenza ci inoltriamo, per tratturi sulla sinistra orografica, puntando ad un piccolo caseggiato in legno che intravediamo a metà vallone. Il verde dell’erba nuova trapuntato di fiori di ogni colore ed il cielo blu sullo sfondo, ci accompagnano per lungo tratto, lasciando man mano spazio a roccette e sfasciumi più ci avviciniamo alla meta.

Sempre più in alto

Ecco i due gendarmi, il colletto (alla sua destra) e la nostra prima punta da raggiungere

Verso metà percorso incrociamo la stradina sterrata (denominata “il Sentiero dei fiori”, lou viol des fiour in occitano ) che parte dal Colle di Valcavera, contorna a mezza costa il Monte Omo, e attraversa tutto il vallone di Serour per salire al Colle Moura delle Vinche (2434 m).

Superata una lunga rampa erbosa ci portiamo sulla sinistra della spalla che scende da un monte innominato quotato 2500 m. Gli ultimi metri prima del colletto sono su terreno ripido e franoso.

Raggiunto il displuvio ci troviamo di fronte alla Val Chiaffrea e con una buona visuale sull’altipiano della Gardetta. Rocca la Meja è lì davanti a noi.

Dal colletto veduta verso la Val Chiaffrea

Riccardo in salita e la Rocca Salè alle sue spalle

Monte Salè a sinistra e Rocca Salè a destra visti dalla cima appena raggiunta

Dal colletto non ci facciamo pregare per salire ancora qualche decina di metri sulla punta del monte che ci affianca, in compagnia di due stambecchi. Possiamo ora ammirare dall’alto tutto il percorso fatto in salita, la vicina Rocca Salè e, un po’ più distante diviso da un vallone laterale, il Monte Salè che dovremo ora raggiungere.

Ridiscesi al colletto, ripercorriamo in discesa il tratto ripido e franoso per spostarci lateralmente sotto la vertiginosa parete calcarea della Rocca Salè, ai bordi di una lingua di neve.

Riprendiamo ora a salire per cengette il tratto di accesso al vallone laterale. Superiamo quindi tratti innevati alternati ad altri erbosi fino a raggiungere il nuovo colle (2480 m) che divide la Rocca dal Monte Salè disturbando un branco di 17 stambecchi che, senza troppi riguardi, si spostano sul versante ovest del Monte Salè facendo precipitare una gran quantità di pietre. Qui, di fronte al Monte Nebius (2600 m), rivedo più spostato a destra il Monte Bersaio (2386 m).

La nuova valle da raggiungere per salire sul Monte Salè

Attraversamento su nevaio idurante la salita al nuovo colletto

 m)

Un folto gruppo di stambecchi ci attende in prossimità del colle

Dal colletto veduta verso Rocca Salè (a destra)

Pendici iniziali del Monte Salè

Dal Colle passiamo sulla parte ovest del Monte Salè trovando qualche ometto di segnalazione. In corrispondenza di un ampio e poco accentuato canale ascendente, svoltiamo a sinistra risalendolo fino a portarci a pochi metri dalla Cima. Nell’ultimo tratto ci spostiamo ancora un po’ a sinistra dove è ubicata la croce di vetta. Il paesaggio che si ammira da questo punto è notevole. Peccato che dal basso stia salendo la nebbia che ci obbliga a scattare velocemente alcune foto. Dopo esserci guardati bene intorno riprendiamo la discesa ponendo attenzione sul primo tratto ripido. Raggiunto il termine del canale viriamo a sinistra e ci portiamo verso il non lontano Colle del Seruor (2432 m). Piacerebbe fermarci qui per pranzare ma le nubi continuano ad addensarsi e crediamo non ci sia niente di meglio che scendere più in basso.

Arrivo in vetta

Veduta dalla vetta verso Rocca Salè e, più a destra, la punta raggiunta in precedenza

In posa dalla croce

Dal Colle ritroviamo il sentiero ben marcato (“il sentiero dei fiori”) che ci porta a richiudere l’anello dal caseggiato in legno. Possiamo finalmente mangiare e poi riprendere la discesa fino alla nostra macchina appena in tempo prima dello scatenarsi di un bel temporale.

In discesa verso il Colle del Serour

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Escursione alla Punta Tempesta – 2679 m – Alpi Cozie – Valle Grana

Precedente Escursione al Colle del Ferro - 2586 m - Valle Stura

Strutture di appoggio nei dintorni

Rifugio Carbonetto

Rifugio Carbonetto

Sei il proprietario o gestore di questa struttura? Contattaci per scoprire come metterla in evidenza (dettagli e costi).

Cartografia essenziale

Carta n. 112, 1:25.000

Carta n. 112, 1:25.000

Istituto Geografico Centrale

Valle Stura, Vinadio, Argentera

Disponibile a 10,00

Bibliografia

In cima. 90 normali nelle Cozie Meridionali

In cima. 90 normali nelle Cozie Meridionali

Bruno Michelangelo

Blu Edizioni, 2012

Vedi su Amazon

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, ecc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Commenti (2)

  1. Michelangelo


    Ciao, aggiungerò anche questa alla già lunga lista di gite che farò ad agosto in valle stura. Come mai niente mappa gps in questo itinerario? Mi piacerebbe vederla! Grazie

    • cuneotrekking


      Ciao Michelangelo. Purtroppo né la gita al Salè né quella alla Cima Tempesta ed al Faraut, già di prossima uscita, saranno corredate di traccia GPS per il semplice fatto che Valerio se l’è portato in ferie con sé ed in famiglia ne abbiamo uno solo. Mi è dispiaciuto non averlo dietro perché mi avrebbe fornito una gran quantità di dati che purtroppo non ho. Ciao, Elio.

Il tuo commento