Rifugio Gardetta

Strutture di appoggio nei dintorni

Commenti (9)


  1. Sono d’accordo, è una passeggiata davvero adatta anche ai bambini. Mia figlia si è divertita molto, soprattutto all’arrivo al rifugio dove ha trovato asini, capre, maialino vietnamita, cavallo e due cani giocherelloni ad aspettarla. Le marmotte poi sono davvero tante! Ci ritorneremo, questa volta magari da un accesso diverso da quello di Preit.

    • cuneotrekking


      Ciao Cris, il posto lassù è davvero bello. Non ci saranno più tutti i fiori che abbiamo visto noi in luglio, ma questo percorso è davvero una bella passeggiata nel verde, adatta ai bambini e con stupendi paesaggi attorno.
      A proposito, avete visto anche voi le stelle alpine sulla collinetta oltre il rifugio?
      P.S. Se volete tornare lassù con un accesso diverso, potrete salire, con percorso più impegnativo, dal Vallone di Unerzio.
      Ciao e buone passeggiate!!!


    • Buonasera volevo chiedere se il sentiero da acceglio al rifugio gardetta è fattibile con un bambino di 7 anni. Qual è il sentiero piu panoramico e meno trafficato di veicoli?grazie mille


      • Ciao Myriam. Se al bambino piace camminare lo può fare tranquillamente (da dove si lascia la macchina ci sono 600 metri di dislivello). Oppure esiste la possibilità di partire da Preit lasciando l’auto nel parcheggio della grangia Selvest e prendere la navetta che porta al Colle del Preit (2000 m). Da lì hai meno di trecento metri di dislivello. Ciao


  2. Il vallone dell Unerzio è solo impegnativo nella prima parte;
    Il tratto di sentiero dopo le fortificazioni è molto bello anche se un breve tratto, essendo calcareo, in presenza di forte umidità risulta scivoloso.Cmq una camminata superlativa !!


  3. ciao Elio, finalmente sono riuscito a capire che percorso ho fatto circa 27 anni fa con il mortaio sulle spalle. (106^ compagnia mortai). Siamo partiti in marcia da Demonte ed abbiamo bivaccato a metà del percorso. Ricordo un paesaggio lunare che m ha fatto dimenticare il fardello. Comunque non siamo tornati indietro, abbiamo continuato sulla sinistra ove si poteva ancora vedere la traccia di una strada militare colma di sfasciume. Dopo un breve tratto abbiamo imboccato un sentiero che ci ha condotto crca nei pressi degli impianti di salita dell’Argentera(metro più, metro meno). Sapresti indicarmi se nelle escursioni da te censite ce n’è una che percorre il tratto finale che ho descritto? P.S. nel tratto finale abbiamo incontrato un laghetto contornato dalle stelle alpine. Grazie per le risorse che metti a disposizione sul sito.


    • Ciao Carlo. Se siete tornati verso gli impianti di Argentera è possibile che il ritorno lo abbiate fatto dal vallone dell’Oserot, dove c’è il bel laghetto omonimo. Prova a guardare il percorso che ti allego, da me fatto proprio partendo dagli impianti di Argentera. Spero di esserti stato di aiuto. Ciao
      /2012/11/19/escursione-ad-anello-al-lago-oserot-2308-m-valle-stura/

  4. Andrea Meia


    Ciao Elio, complimenti per il sito, divenuto ormai il riferimento principale per le nostre escursioni.
    Vorrei tornare con mia moglie su rocca la Meja, salendo da prato ciorlero.
    Non trovo informazioni riguardo la distanza totale fino all’ attacco della via normale.Mi puoi aiutare ?
    Abbiamo bambini al seguito ( che si fermeranno alla base della pietraia) per cui non vorrei programmare una gita troppo lunga …
    Grazie
    Andrea


    • Ciao Andrea, grazie per i complimenti e perché ci segui. Riguardo alla tua domanda direi che per raggiungere la base di Rocca la Meja, partendo dalla partenza di quota 1840 (sopra Viviere) in linea d’aria ci sono circa 8,5 km, ma molti di più su sentiero. A questo punto non ti converrebbe salire dalla grangia Selvest (Preit) oppure dal colle di Valcavera? Ciao, fammi sapere…

Il tuo commento