Escursione alla Punta Culour, 2068 m – Valle Maira

Novità Sui sentieri con Cuneotrekking

Sui sentieri con Cuneotrekking

23 suggestive escursioni dalla valle Pesio alla valle Maira

16,00€ (spedizione gratuita)
Tutti i dettagli

La punta Culour è situata a due chilometri in linea d’aria a nord-est di Acceglio. Dal suo roccioso picco si ha un panorama spettacolare verso il vallone di Unerzio e gran parte delle cime della media e dell’alta valle Maira.

Accesso in auto:

La partenza di questa escursione è la borgata di Ussolo (1337 m), raggiungibile seguendo la provinciale della valle Maira fino al termine di Maddalena (frazione di Prazzo). Ad un bivio segnalato si svolta a destra e si superano numerosi tornanti fino ad arrivare ad un nuovo bivio all'ingresso di Ussolo. Proseguendo sempre dritto in breve si arriva davanti alla chiesa (fontana) dove si lascia la macchina.

Dati tecnici

  • Ascesa: 840 metri circa
  • Distanza: 10,0 km circa
  • Altitudine partenza: 1.337 metri
  • Altitudine massima: 2.068 metri
  • Difficoltà: E (Escursionisti)
  • Sul percorso: borgata, passo, vetta
  • Ad anello: No
  • Partenza: Indicazioni stradali

Questa escursione ci è stata suggerita dall’amico Mattia Bertero, che l’ha provata il giorno precedente.

Partenza dalla chiesa di Ussolo

Seguiamo per un breve tratto la strada asfaltata che prosegue sulla destra della chiesa. Al primo bivio prendiamo la stradina che sale a sinistra e che presto diventa un sentiero. Dopo aver percorso poche decine di metri, ad un bivio, proseguiamo a destra (al ritorno torneremo da sinistra) portandoci verso i tornanti della strada che sale alla borgata Vallone che intersechiamo per due volte prima di raggiungerla. Seguiamo poi tra le case del borgo un sentiero scorciatoia (indicazione) che prosegue tra i frassini tagliando i lunghi tornanti della carrozzabile che pigramente si dirige verso la capanna Ussolo.

Giunti alle grange Draio (1531 m) nei pressi di un grande casolare svoltiamo a sinistra (fontana appena oltre) e, proseguendo sul sentiero alberato, saliamo per poi incrociare nuovamente la sterrata.

Il gradevole sentiero che riprende appena oltre (indicazione) si dirige verso alcune paretine rocciose, ed in ripida salita va a distendersi oltre un poggio nei pressi di una piccola croce in ferro, dove si ha un’ampia visuale sulla valle.

Verso le paretine rocciose

Salendo verso le grange Podio

Poco più avanti ci avviciniamo al nutrito gruppo delle grange Podio (1627 m) incrociando poi nuovamente la strada nei pressi di un pilone votivo.

Arrivo alle grange Podio

Seguendola sotto gli sguardi dell’ardita punta della Lausa (1968 m) risaliamo fino alle grange del Passo (1707 m) fino a raggiungere, dopo alcune dolci curve, il bel pianoro che ospita le grange Chioligiera (1771 m).

La strada che sale dalle grange Passo

Verso le grange Chioligiera

Seguendo ancora un tratto della strada che prosegue oltre, verso la soprastante località Grangette (1823 m), poco dopo aver affiancato una presa per l’acqua svoltiamo a sinistra (ometto e segni gialli sulle pietre, prestare attenzione perché non ci sono paline) prendendo la deviazione che conduce al colletto Serasin, alla punta Culour e alla rocca di Ciarm. Inizialmente il sentiero scende per superare un rio poi si riprende compiendo un ampio semicerchio verso sinistra.

Sguardo sul percorso che ci lasciamo alle spalle

Un tratto della salita

Curvando più avanti leggermente a destra proseguiamo in un bel bosco di larici verso l’intaglio dell’evidente colletto Serasin (2040 m).

In salita verso il colletto Serasin

Quest’ultimo segmento lo percorriamo su uno strato di neve che ci accompagna fino al colle.

In basso, la strada a tornanti che sale ad Ussolo

Qui veniamo investiti da un forte vento maestrale che non ci darà tregua. Possiamo comunque ammirare un grande paesaggio che si estende nel lungo vallone di Traversiera verso il monte Cervet (2981 m), il monte Cappel (2363 m) e le vette più importanti della valle Maira.

Sguardo verso il monte Cervet

Panorama sul vallone di Unerzio

La punta Culour in basso a sinistra

Prima di portarci sulla cima Culour deviamo per un tratto (nord) sui prati erbosi che conducono alla rocca di Ciarm (2237 m). Tornati nuovamente al colletto riprendiamo la salita sul lato opposto (sud est) per portarci sulla rocciosa e panoramica punta Culour (2068 m) dalla quale abbiamo una splendida visuale del vallone di Unerzio con le borgate di Chialvetta, Pratorotondo e Viviere.

Dalla punta Culour, sguardo nel vallone di Unerzio

Ci sarebbe piaciuto fermarci qui ma il forte vento non ci consente di rimanere oltre. Ripresa quindi la discesa tra i larici ripercorriamo il tratto di sentiero che ci riporta sulla stradina.

Sul sentiero del ritorno

Da qui presto prendiamo un sentierino che si stacca a sinistra e ci conduce alla località Grangette e alla capanna Ussolo, ormai inagibile, dove ci fermiamo per la sosta pranzo.

Località Grangette (1823 m)

Ciò che rimane della capanna Ussolo

Case diroccate in località Grangette

Tornati nuovamente sulla sterrata la seguiamo in discesa fino alle grange del Passo. Poi nuovamente in discesa verso le grange del Podio dove, nei pressi di un tornante (a valle di un pilone votivo) abbandoniamo la sterrata per seguire a destra un sentierino di discesa (segnalazione per Ussolo e Prazzo Superiore) che con diverso e piacevole percorso tra i ginepri ci riporta direttamente tra le case di Ussolo.

Scendendo sul sentiero dei ginepri, veduta della strada di Ussolo

Ritornando tra le case di Ussolo

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Escursione dal rifugio Carbonetto ai colli di Valcavera (2416 m) e Fauniera (2481 m) – Valle Stura

Precedente Escursione con racchette da neve al Rifugio Mondovì, 1761 – Valle Ellero

Cartografia essenziale

Carta n. 111, 1:25.000

Carta n. 111, 1:25.000

Istituto Geografico Centrale

Valle Maira, Acceglio, Brec De Chambeyron

Vedi su Amazon
Chaminar en Bassa/Auta Val Maira

Chaminar en Bassa/Auta Val Maira

Bruno Rosano

1:20.000

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Puoi essere il primo a scrivere un commento.

Il tuo commento