Escursione alla Rocca Negra (Becs du Corborant), 2838 m – Valle Stura

La Rocca Negra è situata sul confine italo/francese tra le valli Stura e Tinée e divide (col Beccas del Corborant) la valle di Barbacana dal vallone Lausfer. Ha un belvedere naturale a nord sulla cima del Corborant (3010 m), sulle cime di Malaterra (2871 m) e le cime de Chalances (2995 m).

Salendo la valle Stura, dopo aver superato Vinadio si raggiunge la borgata di Pianche. Svoltando a sinistra si risale il vallone dei Bagni di Vinadio fino all’omonimo paese. Il nastro d’asfalto prosegue superando le minuscole borgate di Strepeis e Callieri pervenendo a San Bernolfo (1663 m), dove si lascia l'auto nel parcheggio a valle.

  • Ascesa: 1.180 m circa
  • Distanza: 15,0 km circa
  • Altitudine partenza: 1.663 m
  • Altitudine massima: 2.838 m
  • Difficoltà: E (Escursionisti)
  • Sul percorso: bunker, lago, vetta
  • Ad anello: No
  • Partenza: Indicazioni stradali

Cartografia e approfondimenti

Lasciata l’auto presso il parcheggio a valle della borgata di San Bernolfo, tagliamo il primo tratto sui prati e raggiungiamo, poco sopra, la sterrata che sale lungo il vallone omonimo.

Molto più avanti transitiamo nei pressi della capanna di Corborant (1885 m) dove, fino a poco tempo fa, sorgeva una struttura metallica e, risalendo il tratto successivo tra mirtilli e rododendri, ci portiamo sul sentiero di partenza (2014 m) alla base di un’ampia china pietrosa iniziando la salita verso ovest con lunghe serpentine.

Sfruttando qualche ripida scorciatoia ci portiamo subito in quota sotto le pendici del Beccas del Corborant (2807 m).

Arrivati ad un bivio (2235 m, palina) lasciamo a destra il sentiero che prosegue per i laghi Lausfer (2501 m) e la cima del Corborant (3010 m) e seguiamo a sinistra quello che si dirige nel vallone di Barbacana.

Lunghi traversi, ancora sotto le pareti del Beccas del Corborant, ci trasferiscono a sinistra verso un esteso tavolato dove s’intravede, più in basso, un minuscolo laghetto. Dopo aver superato un pianoro con alcuni rigagnoli d’acqua il sentiero prosegue su pietraia in direzione sud-ovest.

Poco più avanti, ad un bivio successivo, lasciata a sinistra la mulattiera che svolta verso il vallone dei Dossi e la cima di Collalunga (indicazioni su un grande masso), ci infiliamo in uno stretto passaggio molto suggestivo tra enormi massi erratici.

Poco oltre raggiungiamo la testata del vallone.

Sopra di noi ed a metà della rampa di salita sorge una casermetta in cemento armato (2550 m). Per raggiungerla dobbiamo percorrere un ripido zig-zag sulla destra.

Il tratto seguente verso il passo è su terreno ripido ed un po’ scivoloso. Il passo di Barbacana (2585 m, 5,4 km dalla partenza) divide la valle Stura dalla val Tinée, con la Testa de Cimon (2692 m) a sud-est e la Testa degli Spagnoli (2653 m) a nord.

Dal colle è possibile scorgere nell’opposto versante il bel paesino francese di Auron.

Svoltando verso destra, nord-ovest, proseguiamo per un tratto sotto cresta lasciando in alto a destra la Testa degli Spagnoli (Pointe d’Isatier, 2663 m) che visiteremo al ritorno.

Proseguendo sempre sotto il filo di cresta su terreno ondulato e facile di pietre misto ad erba, superiamo un lungo avvallamento salendo lateralmente a sinistra di una cresta verso una cima intermedia.

Dopo averla raggiunta, ci portiamo sulle tracce dello spigolo sud della Rocca Negra (2838 m) e infine su roccette fino alla vetta, dalla quale si manifesta un vero spettacolo di cime, cominciando dal Beccas del Corborant (2807 m) sulla nostra stessa linea poi, a sinistra, Malaterra (2871 m) per proseguire verso le cimes des Chalances (2995 m) e alla loro destra il Corborant (3010 m) seguito dal gendarme, dalla punta Gioffredo (2960 m) e infine dal monte Laroussa (2905 m). In basso è ben visibile il lago Lausfer inferiore (2501 m).

Dal lato opposto spicca invece la Rocca di San Bernolfo (2600 m) e la cima di Collalunga (2759 m), senza contare le decine di altri monti che si estendono a sud-est.

Ridiscendiamo nuovamente verso la cima intermedia per proseguire fino al grande cippo che sormonta la Testa degli Spagnoli (2663 m) dove ci fermiamo per pranzare.

Tornati al passo di Barbacana incrociamo due mufloni che velocemente si dileguano tra le pietre.

In discesa facciamo un veloce sopralluogo alla casermetta per osservarne lo stato di conservazione riprendendo subito dopo il percorso verso San Bernolfo.


Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Strutture di appoggio nei dintorni

Commenti (2)


  1. l’arco di pietra dopo ferrere è stupendo

Il tuo commento

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, ecc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.