Cime di Serpentera

Strutture di appoggio nei dintorni

Commenti (2)

  1. Mattia Bertero


    Ciao a tutti.
    Nella giornata di oggi mi sono preso un giorno di stacco dal lavoro e così eccomi ad affrontare la mia nuova escursione, ho deciso di andare in un posto vicino alla mia cittadina, Mondovì, e non c’era niente di meglio di andare nella vallata del torrente che l’attraversa, l’Ellero.
    E’ una vallata che conosco molto bene e mi ha sempre affascinato per il suo ambiente selvaggio, ed inoltre l’ambiente carsico dell’Alta Valle è stupendo.
    Scartando alcune vette ancora fuori portata per la presenza della neve ed un paio che voglio in futuro affrontarle da altre vallate, non mi rimangono che fare le tre Cime di Serpentera, seguendo lo stesso itinerario che Cuneotrekking ha compiuto in questa pagina web.
    Il mio Crossover mi permette di arrivare fino al Pian Marchisio con disivoltura alle 8:00, fa freddo (5 gradi) ma almeno non c’è vento, il tempo è perfettamente sereno.
    Già dai primi metri la visione del Pian Marchisio con sullo sfondo Cima delle Saline toglie sempre il fiato.
    Il primo tratto fino al Rifugio Mondovì è una passeggiata, da qui intraprendo il sentiero che mi avrebbe portato alla rampa della Porta Biecai.
    Alla base di quest’ultima trovo un piccolo nevaio che supero senza problemi, il resto della salita è pulito a parte la Porta Biecai dove si deve aggirare sulla destra un manto di neve ancora bello spesso.
    La visione della Conca del Biecai è stupenda: maculata da molti nevai specialmente sul versante Sud, e dove non c’è la neve il verde ed i colori della primavera dominano su tutti.
    Un branco di camosci pascola tranquillamente fino a che non mi vedono e scappano veloci a nascondersi.
    Cerco il Lago Biecai e, per mia grande sorpresa, lo trovo al suo livello massimo!!
    Considerando che questo curioso specchio d’acqua cambia da un giorno ad un altro, mi ritengo molto fortunato a poterlo osservare così.
    Dopo qualche foto riprendo la via verso Porta Sestrera ma, studiando bene la situazione, vedo che la zona del sentiero che devo percorrere è ancora completamente ricoperta di neve.
    Decido di cambiare la via di salita e decido di puntare verso il Lago delle Moie e dopo aver visto quella zona avrei deciso la mia salita alla vetta.
    Devo dire che non so perchè la vista del Biecai così bello mi ha reso particolarmente di buon umore e mi invoglia a continuare la salita.
    Arrivando al Lago delle Moie mi appare davanti uno scenario straordinario: il lago è ancora ghiacciato, a sinistra tanta neve verso la Sud e la Centrale di Serpentera, a destra i pascoli fioriti, con un cielo sgombro di nuvole con un bel celeste acceso.
    Bellissimo…
    Qui prendo la decisione di andare verso il Passo di Serpentera e poi puntare verso la Nord, arrivando li però vedo che la neve è molto irregolare e devo salire verso il cippo improvvisando non poco.
    Ad ogni modo arrivo sulla Nord alle 10:30, il panorama è MERAVIGLIOSO: le vicine cime delle Alpi Liguri sono ancora belle cariche di neve, quelle in direzione della Valle Corsaglia molto meno, la pianura e le vallate sono ricoperte dal uno strato di nubi ed io sono sopra di loro, ho un’oceano di nuvole da togliere il fiato.
    Ma che bella escursione che mi è venuta fuori!
    Resto sulla vetta per un’ora a fare foto ed a gustarmi il tutto prima di iniziare la discesa, anche qui tanta improvvisazione fino al Lago delle Moie.
    Arrivo al Biecai e decido di fermarmi su un’altura a fare pranzo.
    Proprio bella la conca del Biecai con questo gioco di colori tra la neve, il verde della vegetazione, i colori dei fiori e l’azzurro del cielo.
    Dopo pranzo riprendo la discesa, il Rifugio Mondovì è aperto ma non è affollato, complice la giornata lavorativa.
    Sono dalla macchina alle 14:00.
    Gran bella gita che ho apprezzato tantissimo per la varietà del panorama e per i bellissimi giochi di colori che ho visto, poi l’ambiente carsico della zona è fenomenale.
    Sono davvero soddisfatto anche se non ho potuto affrontare Porta Sestrera e le altre due Cime di Serpentera, sarà per un’altra volta.
    Un saluto da Mattia da Mondovì.


    • Bravo Mattia. Hai trovato la giornata giusta per questa salita. E’ molto difficile trovare il lago Biecai così pieno d’acqua. Complimenti per questo bel giro. Ciao

Risposte a Elio Dutto

Fai clic qui per annullare la risposta.