Da Folchi al Bric Brusatà

Commenti (1)

  1. Mattia Bertero


    Ciao a tutti voi.
    Dopo giorni che sembravano infiniti finalmente il maltempo sembra aver lasciato posto al sole.
    Su in quota ha nevicato moltissimo e quindi è giunto il tempo di indossare per la prima volta in questo inverno 2019/2020 le ciaspole.
    Per tutta la settimana mi sono scervellato per trovare un luogo sicuro, non troppo alto, in cui il pericolo valanghe fosse limitato.
    Alla fine tra le varie scelte mi convince questo Bric Brusatà che non ho mai affrontato in vita mia.
    E quindi eccomi alle 8:20 a Folchi per iniziare questa nuova gita.
    Fa freddo, un grado sottozero, e il posto è ancora all’ombra, una condizione che per la maggior parte della salita mi accompagnerà, troverò il Sole solo al Gias Creusa Sottano.
    Giornata che si preannuncia serena.
    La neve la trovo fin dal parcheggio e non mancherà mai, ma è gelata, ho le ciaspole con le lame per il ghiaccio quindi avanzo senza problema.
    Seguo fedelmente la strada che porterà fino al Gias Creusa Sottano, passando in mezzo ai boschi.
    Non c’è nessuna traccia per terra, sono completamente da solo, non conoscendo il posto ho scaricato la traccia GPX del Bric e anche quella della Costa Campaula nel caso abbia ancora le gambe per andare oltre.
    Essendo la prima gita con le ciaspole di questa stagione non voglio esagerare.
    Procedo veloce ed in breve tempo arrivo al Gias Creusa Sottano.
    Qui devo fare completamente affidamento alla traccia GPS: aggiro l’altura che sovrasta il gias a sinistra e punto verso il bosco di faggi, ma qui erroneamente vado troppo a sinistra, così mi ritrovo su ripidissimi pendii.
    Non volendo tornare indietro decido di fare un taglio deciso rispetto alla traccia, questa salita mi ammazza le gambe, inoltre la neve gelata mi fa prendere diverse precauzioni, per fortuna compare il Sole che l’ammorbidisce un po’ così da rendermi più facile la salita.
    Davanti a me ora mi compare il costone di salita della Costa Campaula, noto alla mia destra un colletto che decido di raggiungere.
    Arrivato in cima mi accorgo del mio errore: invece di comparirmi davanti il Bric Brusatà come nelle foto di questa pagina di Cuneotrekking me l’ho ritrovo a destra e con la visuale di taglio.
    Sono salito troppo in alto sulla cresta verso Campaula!
    Devo fare un taglio in diagonale ed in discesa verso il Bric, la neve gelata qui è in parte a mio favore perchè mi garantisce una certa stabilità del manto ma devo comunque stare attento ed non inciampare e cadere altrimenti….
    Qui trovo la neve molto gibbosa, modellata dal vento, davvero bella da vedere.
    Arrivo finalmente all’ultimo pezzo con la piccola cresta di salita al Bric, oggi la neve era sicura ma confermo anch’io che questo tratto, specialmente gli ultimi metri, possono essere pericolosi e se non si è sicuri è meglio non intraprenderli.
    Arrivo al punto più alto alle 10:35.
    Il tempo è stupendo ed il panorama è STRAORDINARIO: la zona di Palanfrè con la Cresta del Pianard, il Pianard stesso fatto ad inizio anno sempre con le ciaspole per la via diretta, la Rocca d’Orel ed il Bussaia; la pianura bella visibile con il lontananza le montagne della Valle d’Aosta prive di foschia, la Bisalta, le cime della Valle Vermenagna come il Bac Baral, Monte Giosolette.
    Non c’è vento e si sta davvero bene sul cucuzzolo.
    Rimando una mezz’ora più o meno a scattare le foto prima di riprendere la strada del ritorno.
    Ora per non affrontare quel tratto infido che mi ha ingannato decido di seguire la traccia GPX di discesa, quindi giù nel vallone sottostante il Bric (da fare con neve sicura) ed entrare nel bosco di faggi prima della strettoia nel bosco fitto (si nota bene una sorta d’entrata, puntare su quella).
    Trovo tacche di sentiero che seguo fino ad un bivio in cui si scende a destra, in seguito mi ricongiungerò con il sentiero di salita a Tetti Creusa dove mi fermo per pranzo vista l’ora.
    Qui incontrerò gli unici due escursionisti della giornata, due ciaspolatori.
    Dopo pranzo decido di modificare la mia discesa, sul telefono carico la traccia GPX della Costa Campaula ricordandomi che qui lo staff di Cuneotrekking aveva fatto un taglio deciso nel bosco.
    Lo intraprendo anche io destreggiandomi tra gli alberi senza un percorso segnato o segni nella neve.
    In poco tempo mi ricongiungo con la via di salita, non mi resta altro che tornare a Folchi.
    Sono le 13:00 quando arrivo dalla macchina.
    Il borgo è deserto, aspettando che gli scarponi e le ciaspole si asciughino al Sole lo esploro un po’.
    Carino questo agglomerato di case, belle le pitture esterne della chiesta.
    Bel esordio sulle ciaspole, un po’ provato per quel pezzo in cui mi sono un po’ perso, ma niente di così problematico.
    Bello il panorama dal Bric.
    Un saluto da Mattia da Mondovì.

Risposte a Mattia Bertero

Fai clic qui per annullare la risposta.