Escursione con racchette da neve al Monte Besimauda (o Bisalta) – 2231 m – Valle Pesio

Novità Sui sentieri con Cuneotrekking

Sui sentieri con Cuneotrekking

23 suggestive escursioni dalla valle Pesio alla valle Maira

16,00€ (spedizione gratuita)
Tutti i dettagli

La Besimauda non ha bisogno di presentazioni. Dalla piana cuneese spicca, come una vecchia tenda canadese, in tutta la sua bellezza. Oggi raggiungeremo la cima più alta delle due punte. L’escursione parte da Pradeboni, raggiungibile da Chiusa Pesio sulla strada che va alla Certosa. Dal paese si segue una stradina (indicazioni) che sale per alcuni chilometri ed attraversa alcune piccole borgate e termina presso l'area attrezzata "Le Meschie".

Dati tecnici

  • Ascesa: 1.150 metri circa
  • Distanza: 9,8 km circa
  • Altitudine partenza: 1.100 metri
  • Altitudine massima: 2.231 metri
  • Difficoltà: E (Escursionisti)
  • Equipaggiamento: Racchette da neve
  • Ad anello: No
  • Partenza: Indicazioni stradali

La sveglia oggi è suonata presto. Massimo, il mio compagno di gita, deve ritornare a casa nel primo pomeriggio per cui dobbiamo partire prima del solito, almeno per questa stagione. Alle 7:30 di giovedì 10 dicembre ci troviamo nel parcheggio delle Meschie. Sono salito alcune decine di volte in Bisalta, mai da questo versante.

A quest’ora inizia appena ad albeggiare per cui prendiamo un po’ più comoda la preparazione per la partenza che, comunque, ci porta via almeno un buon quarto d’ora. Verso le 7:45 muoviamo i primi passi sulla strada che dall’area attrezzata sale la sinistra orografica del vallone.

Al fondo del primo tratto, in curva, un ponte in cemento scavalca il rio Grosso; una cinquantina di metri dopo si incontra il sentiero scorciatoia (paline segnaletiche) che molla la strada e prende a salire con decisione verso destra in direzione del Gias Morteis. La scorciatoia, segnata con tacche bianco-rosse, sale di trecento metri circa attraversando un bosco, e facendo sì che si eviti il lungo tratto di strada a tornanti. I due percorsi portano entrambi a sbucare sui bei prati soprastanti la Sella Murteis dove si gode una splendida prima visuale su molte cime della valle Pesio.

Arrivo alla Sella Murteis


Raggiunta nuovamente la strada, percorriamo un centinaio di metri in direzione del Gias Murteis (1468 m), quindi proseguiamo fino ad un tornante. Dopo il tornante la strada si distende, con poca pendenza, verso sud. Lungo questo tratto raggiungiamo la bella “fontana ‘d Camilu” dove riempiamo le nostre borracce; più avanti, in una curva, abbandonata la strada che prosegue verso il Gias di Praviné Sottano, seguiamo a destra l’indicazione per Costa della Mula.

Sentiero verso Costa della Mula

Alcune tacche bianco-rosse ne indicano il percorso che si inerpica in diagonale sul costone e va a finire direttamente al Gias di Praviné Soprano (1812 m). Raggiunta la costruzione in pietra del margaro, dalla quale appare magnifica la visuale verso la punta della Besimauda, ci fermiamo alcuni minuti per mangiare qualcosa e berci un thé caldo prima di affrontare il tratto di salita più impegnativo.

Gias di Praviné Soprano (1812 m)

Ripreso il cammino, ci portiamo alle spalle della malga puntando in direzione del costone proiettato un po’ a sinistra della punta e, più avanti, di un colletto appena accennato alla sua destra. Per raggiungerlo dovremo scarpinare su un tratto ripido e difficoltoso, pieno di neve e pietroni accavallati, e le difficoltà si attenueranno solamente al nostro arrivo in punta.

In salita verso la selletta (alla sinistra della punta)

Arrivo alla selletta

Massimo negli ultimi metri

Raggiungiamo la cima alle 10:30 e, dato uno sguardo generale, ci poniamo subito ad osservare il paesaggio verso la pianura cuneese che oggi, finalmente, si può ammirare senza cappa. Alla nostra sinistra seguiamo con lo sguardo tutta la cresta che porta direttamente al Bric Costa Rossa (2404 m); a sud-est abbiamo un’ampia visuale sulle Alpi Liguri. Il nostro sguardo va quindi a posarsi sul Marguareis e sul sottostante Rifugio Garelli. Più a sinistra è ben visibile la Cima Gardiola, salita pochi giorni prima, quindi il Mondolé e la Cima Cars. Rimaniamo una quarantina di minuti a contemplare il paesaggio pensando di essere gli unici ad effettuare questa salita in giornata, quando poco più in basso notiamo l’arrivo di una ragazza, che sopraggiunge a condividere con noi questa splendida visuale.

Veduta verso la catena alpina

Veduta verso la seconda punta e la pianura cuneese

Panorama di cresta verso Costa Rossa (2404 m)

Foto ricordo

In discesa verso il Gias di Praviné Soprano

Ci intratteniamo per qualche minuto e poi riprendiamo la strada del ritorno con l’intenzione di rifocillarci al Gias di Praviné Soprano. Sulle orme dell’andata torniamo poi alle Meschie.

Nella gita di oggi non abbiamo voluto usare le racchette perché abbiamo trovato il percorso battuto da altri escursionisti; tuttavia, prendendo atto che le abbiamo portate in spalla fino in cima, la consideriamo in ogni caso un’escursione con racchette da neve.

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Giro ad anello con racchette da neve al Prato del Soglio - 1124 m - Valle Colla

Precedente Escursione con racchette da neve alla Cima Gardiola - m 1889 - Valle Pesio

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Commenti (16)


  1. ciao, mio marito vuole tentare la Besimauda ,esiste un sentiero meno impegnativo? forse sarebbe più opportuno aspettare l’estate. Grazie

    • cuneotrekking


      Ciao Lucetta, è già questo il tragitto meno impegnativo per la Besimauda. Puoi aspettare l’estate, oppure l’altra soluzione è quella di attendere che ci sia meno neve. Considera che quella è la parte più soleggiata, per cui se continua a non nevicare, non bisognerà attendere molto. Ciao.

  2. Christian Gianti


    Complimenti per il sito…salita effettuata di corsa il 01/10/2012 dalle Meschie…era la prima volta ma non pensavo l’ultimo tratto fosse così ricco di pietroni…ovviamente mi è risultato possibile correre fino alla Selletta e poco più…tempo dalle Meschie con sentiero scorciatoria per il Gias Murteis circa 1 ora.
    Ciao!

    • Cuneotrekking


      Bravo Christian, buonissimo tempo! A giudicare dal basso non avrai trovato però una bella giornata…

      • Christian Gianti


        Purtroppo no..in cima c’era soltanto nebbia e purtroppo anche qualche pietrone bagnato…credo che, a giudicare dal libro di vetta, saremo saliti in 3 massimo 5 persone oggi…(era anche lunedì!!).


  3. Ciao sono Dado di Biella. Complimenti +++ per il sito. Circa le cime della Bisalta, ti vorrei chiedere se in estate si può percorrere il tratto dalla punta più bassa della Bisalta che se non sbaglio é alta 2231) sino al Bric Costa Rossa che dovrebbe essere la punta più alta della Bisalta. Esiste un sentiero o una traccia? Per caso hai anche la traccia in formato GPX?
    Grazie
    Ciao
    Dado

    • Cuneotrekking


      Ciao Dado, risposta affermativa. E’ possibile fare tutta la cresta e c’è pure una traccia che la percorre. Grossomodo ci vuole un’oretta di cammino per salire dalle due punte al Costa Rossa. Non ho ancora il tracciato GPX ma ho in mente di ripercorrerla entro l’estate.
      Ciao, Elio


      • Grazie Elio, gentilissimo.
        Mia madre é nata a Chiusa Pesio e le estati da bambino le trascorsi a Chiusa.
        La Bisalta mi ha sempre colpito e quest’estate conto di tornare in quei bei posti per poterla finalmente salire. E nel contempo un salto al Marguareis non me lo farò mancare
        Grazie ancora per la risposta
        Dado


  4. ciao ragazzi! domani vorrei provare per la prima volta a fare questo percorso fino alla vetta!
    Sono in solitaria.. volevo chiedere se avete qualche numero utile a cui chiedere informazioni sulle condizioni del percorso ed innevamento attuale!
    Dite che sia gia fattibile in quanto a neve?
    Grazie mille!

    • Cuneotrekking


      Ciao Fabio. Quanto alle condizioni del percorso non so dirti se lo troverai battuto, ma so per certo che, dopo le recenti nevicate, troverai parecchia neve. Al limite puoi raggiungere il gias Pravinè e valutare il seguito. Controlla prima il bollettino valanghe della Regione Piemonte.
      Ciao e buona gita.


      • ..hai ragione! mi sono informato e c’è ancora troppa neve per la punta! rimanderò questa gita sperando di poterla fare il prima possibile!Per domani troverò un alternativa!

        grazie mille della disponibilità! e complimenti per il tempismo e l’organizzazione!


  5. ciao
    Dopo averla fatta numerose volte d’estate, quest’anno voglio tentare l’ascesa invernale. Devo acquistare le racchette, ma mi chiedevo se per le escursioni invernali è OBBLIGATORIO dotarsi anche degli strumenti di autosoccorso (arva, pala, sonda)?
    Non voglio rinunciare alla sicurezza, ma i prezzi sono quasi proibitivi.
    ringrazio in anticipo
    Mattia

    • Cuneotrekking


      Ciao Mattia. Gli strumenti di autosoccorso, pala, arva, sonda hanno veramente un costo eccessivo. Hanno più volte cercato di renderli obbligatori nelle escursioni invernali ma si sono scontrati con molti pareri contrari e il dibattito resta ancora aperto. Sono sicuramente da consigliare, perchè possono salvare la vita a chi rimane sotto una slavina, però occorre che tutto il gruppo di persone che partecipa all’escursione ne sia provvisto. Oltretutto per impararne l’uso (che non è così semplice) bisogna impratichirsi partecipando a qualche corso.
      Un avvertimento che ti posso dare è di non andare in montagna dopo abbondanti nevicate e fare sempre affidamento al bollettino di previsioni valanghe. Ciao.


      • Grazie, per la risposta e per il sito ben fatto e completo.
        seguirò senz’altro i tuoi consigli.
        spero solo di riuscire a trovare il tempo per la montagna tra università, scout e arrampicata…


  6. Ciaoo sono andata sabato scorso.. bella gita!!

Il tuo commento