Cima Crosetta

Commenti (3)


  1. Sempre bella la valle Grana,una delle mie preferite nella stagione invernale perche’ molto riservata e nascosta.Io sono salito sul Fauniera qualche settimana fa’,ma la situazione neve era un po’ migliore.Ciao Massimo.

  2. Mattia Bertero


    Ciao a tutti voi.
    L’escursione di oggi con Silvia ci porta al Monte Crosetta in Valle Grana, scelta anche per testare l’attuale condizione del manto nevoso e per non affaticare troppo la mia ragazza.
    C’è la prendiamo con calma arrivando al termine della strada libera dalla neve alle 8:30 sotto il Santuario di Castelmagno.
    Il tempo è perfettamente sereno ma le temperature sono già elevate, notiamo che il versante interessato alla nostra escursione si presenta ancora bello carico di neve.
    Partiamo decidendo di prendere inizialmente la strada per il Fauniera per poi svoltare a destra per la sterrata che porta sui pascoli sopra il Santuario dove indossiamo le ciaspole.
    Tutti i presenti puntano verso il Tibert, io e Silvia siamo gli unici alla partenza che voltano verso il Crosetta.
    La neve si presenta subito umida e un po’ molle ma almeno non s’attacca sotto le ciaspole.
    Fino al bivio con il sentiero estivo per la cima la pista è ben battuta, dopo dobbiamo aprirci la strada.
    La neve è molto irregolare: a volte è dura, altre volte cedevole e altre volte decisamente molle.
    Saliamo tranquillamente ed in 40 minuti siamo sotto l’ultima rampa per il Crosetta, in questo punto purtroppo Silvia ha un forte attacco di mal di schiena che la blocca sul posto.
    Non riesce più a proseguire e mi dice di continuare da solo, lei sarebbe rimasta li seduta in attesa che il male sparisca.
    Così eccomi ad affrontare l’ultima rampa di salita, nel cercare di trovare la via più facile noto una piccola cresta alla mia destra che decido intraprendere, scoprendo poi a casa che è la stessa che i ragazzi di Cuneotrekking hanno intrapreso nella loro escursione.
    Qui la faccenda si fa davvero difficile, la pendenza è davvero sostenuta e la neve non molto stabile, devo piantare di forza le ciaspole per non scivolare, facendo molte soste per la fatica. Inoltre il manto ha uno spessore irregolare e qualche volta ho trovato il terreno.
    Ad ogni modo riesco ad arrivare al Passo delle Crosette, la cima è a poche decine di metri intrapresi in pochissimo tempo.
    Quando arrivi dal cippo di pietra e dalla croce sono le 10:00.
    Il panorama è stupendo, tutte le montagne della zona sono belle nitide, solamente la pianura è nascosta da una cappa di calore e smog.
    Resto una mezz’ora per fare qualche foto, il video per il mio canale Youtube, e per gustarmi il silenzio assoluto del posto, il sole martella pesante e non c’è un filo di vento.
    Nel frattempo tengo d’occhio Silvia sul pianoro sottostante, e li tranquilla in attesa, noto 4 sciatori che salgono sul Crosetta ma allungando verso Est per pendii più dolci.
    La discesa si presenta nuovamente problematica: devo letteralmente piantare i talloni per poter scendere in sicurezza, se scivolo da quel pendio non mi fermo più…
    Un passo alla volta, ogni metro va studiato e interpretato.
    Riesco a scendere ed a congiungermi con Silvia: si è ripresa, gli propongo di accompagnarla sulla vetta ma non vuole rischiare e decide di non tentare la salita. Poi si è rilassata e per oggi questo gli basta.
    Scendiamo giù, troviamo diversi ciaspolatori intenti a salire.
    Arriviamo al Santuario di Castelmagno alle 11:35 dove pranziamo sotto i portici all’ombra e rilassandoci per una bella oretta.
    Una bella escursione, peccato per Silvia, ma ormai siamo agli sgoccioli della stagione delle ciaspole.
    La neve non riesce più ad essere stabile e c’è ne davvero tanta (oggi salendo il manto raggiungeva ancora il metro d’altezza in molti punti fin quasi dalla partenza), le temperature sono troppo elevate, la settimana prossima avevo in programma la salita da Chianale fino al Colle dell’Agnello ma vedendo di persona oggi il manto nevoso non ne sono più così sicuro. Vedremo.
    Un saluto da Mattia di Mondovì.
    Ah, ancora grazie per la serata di ieri alla Casa del Fiume a Cuneo, è stata davvero bellissima dove la passione della montagna si respirava nell’aria.


    • Ciao Mattia, con queste temperature bisognerebbe partire almeno un’ora prima, ma è anche domenica e si indugia un po’ di più a letto. Non sono più salito al Crosetta da allora, ma è pur sempre una bella meta. Ormai Silvia era già quasi arrivata, peccato, condividere insieme la cima sarebbe stato più bello. Vi ringrazio per essere venuti ieri sera alla nostra chiacchierata. Con l’occasione ho potuto conoscere anche Silvia dal vivo, che ora saluto. Ciao, a presto!

Il tuo commento