Passeggiata Mentone/Monte-Carlo attraverso il Cap Martin – autunno – Côte d’Azur

Proponiamo questa magnifica passeggiata, tutta in riva al mare, che collega Mentone a Monte-Carlo. È percorribile in ogni stagione dell’anno. Naturalmente la primavera è la stagione ideale per godere appieno il risveglio della natura ed assaporare la varietà e i profumi dei fiori che si incontrano lungo tutto il cammino, mentre l’autunno è il momento più opportuno per gustarne le sfumature dei colori.
Accesso in auto: Recarsi con l’auto al termine del lungomare di Mentone. Alla rotonda, prima del tratto in salita che porta verso Roquebrune Cap-Martin, svoltare a sinistra (av. Winston Churchill). Costeggiando alcuni ristoranti e oltrepassato un arco di pietra proseguire per un centinaio di metri cercando parcheggio prima del ristorante ”La Cigale - Vista Beach”. Grazie ad Andrea A., nostro gentile lettore, siamo stati informati che da quest'anno il parcheggio è a pagamento nei giorni feriali dal 15 giugno al 15 settembre dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 per una durata massima di 3 ore - costo 1,00 € l'ora. Il parchimetro tiene conto della pausa pranzo scavalcandola.

Dati tecnici

  • Ascesa: 90 metri circa
  • Distanza: 6,5 km circa
  • Altitudine partenza: 3 metri
  • Altitudine massima: 40 metri
  • Difficoltà: T (Turistico)
  • Ad anello: No
  • Partenza: Indicazioni stradali

La passeggiata inizia da qui. Nata come “Sentiero dei Doganieri” è ora denominata “Promenade Le Corbusier” in omaggio al grande architetto, deceduto nel 1965, che riposa nel cimitero di Roquebrune Cap-Martin.

Tenendo la sinistra, dopo il ristorante ci portiamo sul lungomare per transitare, poco dopo, davanti al busto bronzeo del celebre Architetto. Percorso un centinaio di metri, ci infiliamo in un sottopassaggio obbligato che taglia un lido marino.

Da qui in poi si inizia a percorrere una lunga sequenza in sali-scendi di gradini in cemento che si alternano a tratti in piano, sempre a breve distanza dal livello del mare tra una lussureggiante vegetazione fatta di pini marittimi, mirto, lentisco, aloe, agavi e fiori, tanti fiori di ogni colore.

In primavera si cammina respirando il profumo intenso delle fresie che fioriscono liberamente al di là delle recinzioni.

Tratto della passeggiata

Una delle tante discese verso il mare

 

Lungo la passeggiata

Una piattaforma per la sosta libera

Anche qui, come al Cap Ferrat , nei punti più pittoreschi sono dislocate numerose scalette in cemento che scendono a bordo mare su piattaforme cementate, dov’è possibile stendersi per prendere il sole, o fare pic-nic. Alcune di esse sono state impreziosite da tappetini, cuscini e cuori… in cemento.

La passeggiata si svolge aggirando la prima parte del Capo, per uscire man mano sul lato occidentale del promontorio in vista di Monaco Monte-Carlo che rimane sempre ben visibile ad ovest.

Scorci panoramici con lo sfondo di Monaco

Più avanti un sottopassaggio taglia in mezzo la proprietà della Villa Cypris (appartenuta a Olympe Hériot, proprietario dei grandi magazzini del Louvre a Parigi) con chiostro su pile in pietra direttamente sul mare.

Chiostro della Villa Cypris

Si continua passando subito dopo sotto la Villa Cyrnos (vecchia proprietà dell’Imperatrice Eugenia, sposa di Napoleone III), quindi per un bel tratto si prosegue e si costeggia il mare che offre splendidi scenari da cartolina.

Panorama sul mare

In contemplazione

Più avanti si gira verso destra incontrando il Vallon de la Dragonnière e, lasciando ancora a destra la scalinata che sale verso Roquebrune, si prosegue in salita verso la lunga passerella sospesa che taglia il muro di sostegno della linea ferroviaria Nizza-Mentone.

Poco prima della passerella si può ammirare un’altra bella proprietà: Villa Irina, che è servita come pied-a-terre, verso la fine della sua vita, al dittatore dello Zaire: Mobutu.

Al termine di essa si scende un breve tratto, si aggira un costone dietro il quale, se si alza lo sguardo, si può notare l’abbarbicato e pittoresco borgo di Roquebrune Vieux Village.

L’arroccato Roquebrune vieux Village

Poco più avanti si raggiunge il sottopassaggio della ferrovia dove inizia il Sentier Massolin che sale a Roquebrune (fontana sul lato destro). Alla nostra sinistra, nascosto dalla vegetazione, c’è il famoso “Cabanon”, ossia il cottage in legno in cui Charles Edouard Jeanneret detto “le Corbusier” si ritirava per progettare le sue opere, vicino al quale morirà a causa di una crisi cardiaca.

La nostra passeggiata prosegue in discesa per raggiungere la spiaggia di ciottoli denominata “Plage du Buse” (docce). Scendendo verso la spiaggia, sulle pareti rocciose fotografiamo una pianta di capperi con un fiore appena sbocciato. Qui, temperatura permettendo, è d’obbligo un bel bagno nelle limpide acque della baia.

Alle spalle della spiaggia ed affacciata sulla baia c’è la villa denominata la “Casa del Mare” del famosissimo produttore cinematografico Dino De Laurentiis morto a Beverly Hills nel novembre del 2010. La villa, composta di una ventina di stanze e sette bagni, è attorniata da tre ettari di giardino ombreggiato da ulivi centenari, banani giganti ecc. Un gigantesco ficus che sporge proprio dal muro di cinta della proprietà offre anche a noi gradita ombra nelle giornate più assolate.

La pianta dei capperi

Un assiduo frequentatore della Plage du Buse

Dalla baia occorre risalire fino alla Stazione ferroviaria di Roquebrune attraverso le Sentier des Douaniers che si riprende al termine della spiaggia.

Arrivati dopo una breve salita nei pressi della Stazione, si svolta a sinistra, si continua la passeggiata fino al ponte stradale che scavalca la ferrovia. Appena prima di imboccare il ponte, ancora a sinistra, ritroviamo il sentiero che riprende il suo corso e per un lungo tratto costeggerà il mare da un lato e la ferrovia dall’altro con alternati sali-scendi.

Ottimi scorci panoramici ci guidano sulla successiva Plage du Golfe Bleu e su altre baiette fino ad approdare agli inizi del Principato di Monaco, ovvero dal Montecarlo Beach Hotel.

Panorami sulla rotta di Monte Carlo

La plage du Golf Bleu

Panorama sul Cap Martin

Proseguendo poi sull’Avenue Princesse Grâce ci porteremo gradualmente verso il centro città superando il Monte Carlo Bay Hotel & Resort. Di fronte alla spiaggia di Larvotto spegniamo il GPS. Abbiamo percorso 6,5 km fino a questo punto.
Prolunghiamo la nostra passeggiata andando a raggiungere il cuore di Monaco, sempre interessante di cose belle da vedere e pieno di vita.

Dal porto di Monaco

Avremmo voluto tornare indietro a piedi ripercorrendo a ritroso il sentiero ma, essendoci trattenuti più del dovuto a Monaco, decidiamo di far ritorno in bus.

Dal Casino Municipale, saliamo l’antistante piazzale alberato quindi, svoltando a destra (Av. De la Costa), raggiungiamo il vicino Ufficio del Turismo, dove passa il n° 100 (costo 1,50 €) che ci riporta a Mentone. Per tornare a riprenderci l’auto, siamo scesi ad una fermata bus di Carnolès (Mentone) e, in pochi minuti a piedi verso il lungomare, abbiamo recuperato l’auto.

Se si vuole tornare in treno, dal porto occorre recarsi nella vicinissima sotterranea stazione ferroviaria. Occorrerà poi scendere alla stazione ferroviaria di Carnolès (Mentone), di lì raggiungere a piedi il vicino lungomare e il parcheggio per recuperare la macchina.

Elio Dutto

Profondo conoscitore delle montagne cuneesi, scrive su Cuneotrekking.com dal primo giorno. Instancabile camminatore ama la montagna in tutte le stagioni.

Prossimo Escursione al Rifugio Genova – 2010 m – Valle Gesso

Precedente Passeggiata ad anello del Cap Ferrat – autunno – Côte d’Azur

Cartografia essenziale

Carta 3742OT, 1:25.000

Carta 3742OT, 1:25.000

Institut Geographique National

Nice, Menton (Côte d'Azur

Vedi su Amazon

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente.

Commenti (43)


  1. Ho ripetuto proprio ieri questa passeggiata. La conosco bene. O perlomeno: credevo di conoscerla bene. Infatti, dopo aver letto la vostra descrizione ho scoperto un sacco di cose interessanti: nomi delle ville e dei loro importanti proprietari, lunghezza del percorso, dislivello e molte altre curiosità… Davvero interessante. Complimenti per l’ottimo lavoro. Marco.

    • cuneotrekking


      Ciao Marco, grazie per l’apprezzamento. Tante volte mi è capitato di fare abitualmente dei percorsi senza approfondire, magari per pigrizia, aspetti e curiosità che potrebbero rivelarsi interessanti. Con qualche notizia in più trovo anch’io che la passeggiata sia più piacevole.
      Ciao e ancora grazie.

  2. GIULIANO RUBECHINI


    Non ho mai terminato la passeggiata per svariate ragioni, ripromettendomi di farlo sempre l’anno dopo. Spero che questo, a primavera, sia l’anno giusto. Magari non parto a piedi da la Plage de Garvan a Mentone altrimenti arrivo già un po’ stanchino a inizio sentiero!
    Giuliano

  3. Giuseppe Abbà


    Grazie a questa dettagliata relazione, oggi io e la mia ragazza abbiamo fatto questa bellissima passeggiata. Ti ringraziamo tanto per la precisione nella descrizione. Domani, sempre seguendo una tua relazione, andremo a fare la passeggiata ad anello del cap Ferrat.

    • cuneotrekking


      Ciao Giuseppe, cerco sempre di mettermi nei panni di chi si accinge a ripetere le mie escursioni e il tuo apprezzamento equivale a riconoscere che ho fatto un buon lavoro.
      Grazie e buona gita al Cap Ferrat. Elio


  4. ieri mio marito ed io abbiamo fatto questa bella camminata: grazie a tutte le informazioni postate in questo sito, siamo riusciti veramente a godere appieno di tutto ciò che abbiamo visto. Peccato per la pioggia che abbiamo trovato però solo al nostro arrivo a Montecarlo. Informazione utile: il 1° maggio i pullman non circolano, quindi, per chi è affaticato, il rientro è possibile solo col treno (tenete a portata di mano le monete: le biglietterie automatiche non accettano le banconote e di macchinette cambia-soldi neanche l’ombra!!!) Grazie per le preziose informazioni! Stiamo già pensando di fare il giro del Cap Ferrat…

    • cuneotrekking


      Ciao Silvia e grazie per l’informazione che potrà essere utile anche per altre festività. Siamo contenti per la bella gita che hai fatto, peccato solo per la pioggia che purtroppo vi ha rovinato parte della giornata!!!


  5. ciao siamo due famiglie con 4 bambini dai 6 agli 11 anni e saremo in quel di ventimiglia nella seconda metà di agosto. Mi piacerebbe provare la passeggiata che descrivi qui sopra, i bambini sono abbastanza abituati a camminare e credo che questi paesaggi li invoglieranno molto…! Mi consigli di fare il percorso esatto che descrivi o hai delle varianti da suggerire a famiglie con bambini? Hai altre passaggiate non troppo impegnative da consigliarmi nel raggio di una max due ore di macchina da ventimiglia? grazie Aurora

    • cuneotrekking


      Ciao Aurora. La passeggiata che ho descritto è proprio adatta a famiglie come le vostre. C’è poco dislivello e tanti posticini lungo il percorso, in riva al mare, che consentono di potervi fermare per fare delle soste. In ogni caso, a metà percorso, c’è una bella spiaggia di sassolini adatta per un bagno e per intervallare la passeggiata. Come avrai letto, una volta giunti a Montecarlo è possibile tornare indietro col pullman o col treno.
      Un’altra bella passeggiata facile facile e molto bella, che ho descritto, è quella del Cap Ferrat che troverai in questo link /2011/11/08/passeggiata-ad-anello-del-cap-ferrat-%E2%80%93-autunno-%E2%80%93-cote-d%E2%80%99azur/
      Spero di essere stato di aiuto a voi ma soprattutto siano apprezzate dai vostri bimbi.
      Ciao e grazie per averci scritto.
      Buone passeggiate!!! Elio.


  6. io con il gruppo di scoprimontagna l’abbimo fatto nel 2008 tutto bellissimo anche il parco degli ulivi di mentone al ritorno una piccola variante a sinistra ma ne vale la pena

  7. marina ed enrico


    Siamo stati proprio ieri la mia ragazza ed io, partendo da Beausoleil, e proseguendo fino ad arrivare a Mentone centro. Una bellissima esperienza in una giornata di sole. La rifaremo senz’altro. ….


    • Ciao Enrico. Con le temperature miti di questi giorni non può che essere una piacevolissima passeggiata.


  8. Ciao, a Pasqua con i miei bambini (5 e 10 anni) sarò a Ventimiglia e mi piacerebbe percorrere la passeggiata. Un’informazione “tecnica” il biglietto del bus per il ritorno da Montecarlo a Mentone dove si acquista? Grazie


    • Ciao Silvia, puoi acquistarlo direttamente sul bus!
      Ciao.


    • Silvia io 2 anni fa il primo di maggio ho aspettato il pullman x un’ora prima di capire ke non sarebbe passato… mi sa ke nei giorni di festa i pullman non circolano. Però c’è il treno. Un consiglio: portati monete xke le biglietterie automatiche non accettano banconote. Buona passeggiata! !

  9. nadia greggio


    Bellissima passeggiata, talmente bello il paesaggio che non ci si accorge affatto del tempo che passa! Il ritorno è ancora più breve dell’andata… niente treno o bus, fidatevi!


  10. Che bel sentiero! Ma secondo voi è affrontabile con una mountanbike? Vedo delle scale dalle foto da fare con la bici a spinta ma mi chiedevo se per la restante parte il sentiero è pedalabile. Grazie mille


    • Ciao Samuele. Questo percorso non è adatto per le mountain bike, anzi è vietato. Non per altro, ma perché frequentatissimo da famiglie e persone che, al massimo, lo percorrono correndo. E’ da fare con tutta calma per gustare il panorama senza stress.


  11. Buonasera!
    vorrei fare questa escursione in treno. Mi pare di capire che al ritorno non c’è problema. All’andata invece, la stazione di Mentone è vicina o occorre prendere un autobus (da dove?).

    Oppure mi consigliate qualche altra passeggiata poco lontana dal confine italiano?
    Grazie!

    • Valerio Dutto


      Ciao Giulia, a circa 1,5 km a piedi dall’inizio della passeggiata c’è la stazione ferroviaria Carnolès di Roquebrune-Cap Martin che è più comoda rispetto a quelle di Menton. Al ritorno puoi prendere il treno alla stazione di Monaco. Assicurati solo che i treni facciano tappa in quelle stazioni…


  12. Ciao, ho fatto questa passeggiata tantissimi anni fa, ma non ricordo più nulla ed ora mi piacerebbe ripeterla coni miei bimbi. La nostra piccola ha soltanto 6 mesi per cui vorremmo portarla con il passeggino, ma dalle fotografie non riesco a capire se sono fattibili. Se si trattasse di un breve tratto in cui sollevare il passeggino non ci sarebbero problemi. Mi sai dire se i tratti scalinati sono molti? Grazie mille! Silvia


    • Ciao Silvia, purtroppo i tratti scalinati sono parecchi lungo il percorso, per cui diventerebbe abbastanza faticoso se lo fai col passeggino. Al limite potresti pensare di portarla col marsupio (io l’ho sempre fatto), in questi casi decisamente meno ingombrante e più comodo!
      Ciao e buona passeggiata.


    • Ciao Silvia ho fatto questa passeggiata lo scorso anno con mio figlio di 5 mesi ed il passeggino: un incubo ed una fatica immane! Siamo partiti da menton ed arrivati solo a roquebrune xke è praticamente una scalinata unica! Ringrazio che c’era anche mio fratello che dopo un po’ mi ha dato il cambio nel sollevare il passeggino. Quindi te la sconsiglio vivamente! Potresti pensare al marsupio od allo zainetto, però con tutti gli annessi e connessi legati al fatto di far rimanere un bimbo così piccolo insaccato lì dentro x tante ore… x quanto mi riguarda ci tornerò sicuramente ma solo qu mio figlio sarà in grado di farsela con le sue gambine!! Ciao 😉


  13. Buongiorno, vorrei sapere se è permesso fare la passeggiata con cani al guinzaglio. Dovremmo farla con un gruppo di amici ai primi di marzo ma vorrei sapere se posso portare i cani o se li devo lasciare a casa. Grazie mille

  14. Pepino elsa


    Ciao….fatta oggi questa bellissima camminata. Partita da Borgo dove piovigginava…..a Tenda nevischiava……abbiamo deciso di rischiare forti delle previsioni che davano bel tempo…ed è andata benissimo!!!

  15. STEFANIA CARLONI


    Salve, vorrei sapere se facendo questa bellissima passeggiata sia possibile ad un certo punto fare una deviazione verso il parco di Roquebrune Cap Marti, mi riferisco a quello con gli olivi millenari e con un’area pic nic attrezzata con tavoli e panchine.
    Grazie.

  16. STEFANIA CARLONI


    Grazie 1000 Elio!!

  17. STEFANIA CARLONI


    Elio scusa un dubbio…volevo sapere come poter accedere ( sempre se fattibile) dopo aver percorso il sentiero da te indicato al Parco di Cap Martin, posto sulla sommità della collina…non so se si tratta dello stesso in cui si trova l’ulivo millenario
    Grazie ancora.
    Ciao


    • Ciao Stefania. Allora ho capito cosa intendevi. Dal percorso che ti ho indicato uscendo dalla passeggiata di Cap Martin verso Roquebrune Village, al termine dell’Av. Virginie Heriot svolti a destra sull’Av. Paul Doumer e la percorri fino al numero civico 35. Da lì segui la stradina di fronte, in leggera discesa, che ti porta direttamente al Parc des Oliviers. Ciao.

  18. STEFANIA CARLONI


    ah grazie Elio…immagino lì sia possibile anche fare dei pic nic

  19. STEFANIA CARLONI


    Ciao Elio,
    volevo chiederti in quanto ho degli amici che a maggio vorranno vedere Montecarlo , da quale punto di Montecarlo si può lasciare la macchina e procedere a piedi attraverso la bellissima passeggiata “Le Corbusier” fino a Mentone.
    Grazie per le preziosissime informazioni!!
    Ciao.
    Stefania


    • Ciao Stefania. La puoi lasciare all’inizio di Montecarlo (lato Mentone) nei pressi dello Montecarlo Country Club (campi da tennis), dove parte la passeggiata per Mentone.

  20. STEFANIA CARLONI


    Grazie ancora Elio.


  21. Ciao. Abbiamo fatto la passeggiata ieri. Ti ringrazio per la dettagliata descrizione sulla quale ci siamo basati…..Domenico. Como


  22. Vi volevo informare che ho fatto la passeggiata sabato 18/02/17 ed il parcheggio al fondo di av. Winston Churchill che è già nel comune di Roquebrune-Cap Martin, è diventato gratuito.
    Inoltro al ritorno col bus 100 da Montecarlo, consiglio di scendere alla fermata Casernes, più vicina per ritornare all’automobile.


    • Grazie Emanuele per l’informazione. Prima di dare l’informazione volevo accertarmi che non sia una cosa provvisoria. Gli horodateurs sono stati rimossi o sono incappucciati, come fanno alle volte nel periodo invernale? Ciao


  23. Itinerario molto interessante!! Conosci un sentiero che collega Mentone con Ventimiglia o altro paese della Liguria?? Grazie


    • Ciao Gigi. Non mi risulta ci sia un sentiero di collegamento tra Mentone e Ventimiglia, anche perché in quel tratto ci sono i binari del treno. Solo una piccola parte è solcata dalla vecchia via romana, ma non arriva neanche a Latte. Purtroppo da noi c’è ancora poca attenzione a questo.

Il tuo commento